Pubblicato il

Monastero di San Calocero di Albenga (SV)

Locandina Albenga 2015.

Locandina Albenga 2015.Campagna di scavo di San Calocero di Albenga (Sv)
7 settembre-16 ottobre 2015

Indicazioni per i partecipanti

Alloggio (gratuito)

I partecipanti saranno alloggiati gratuitamente a cura dell’organizzazione, presso i bungalow del campeggio Isola. Le lenzuola saranno fornite dall’organizzazione, ma è possibile portarsi il sacco a pelo. Le assegnazioni dei bungalow avverranno suddividendo maschi e femmine. I bungalow saranno dotati di servizi e docce. Il campeggio è dotato di spiaggia privata, a disposizione durante i fine settimana.

Vitto (gratuito)

I pasti verranno preparati a turno da due/tre persone tra i partecipanti allo scavo; il pranzo verrà consumato “al sacco” presso il sito, la cena verrà servita presso la struttura di residenza. Purché preventivamente avvisati, è possibile far fronte a particolari richieste alimentari in conseguenza di allergie o altre patologie mediche.

Scavo

Il cantiere di scavo si trova sulle prime pendici della loc. Monte. Esso dista circa 15 minuti a piedi dal campeggio. Sono comunque disponibili diverse auto dei responsabili per chi non volesse recarsi a piedi sul sito. Gli orari di lavoro sono dal lunedì al venerdì, dalle 08.00 alle 17.00, orario comprensivo di circa un’ora e un quarto di pause a metà mattina e per il pranzo.

Attività didattica

Oltre all’indagine scientifica del deposito archeologico, i partecipanti prenderanno parte, in gruppi, ad esercizi di lettura stratigrafica degli elevati, ad attività di rilievo tramite strumentazione digitale, alle operazioni di pulizia, identificazione e catalogazione dei reperti rinvenuti in fase di indagine. Ciascuna di queste attività verrà svolta sotto la supervisione di professionisti del settore. Almeno una volta alla settimana si organizzeranno seminari pomeridiani inerenti la città, il sito o tematiche legate alle metodologie archeologiche, al tardo antico e all’archeologia cristiana. Saranno possibili forme di partecipazione al seminario di una settimana di rilievo e analisi degli elevati del battistero paleocristiano di Albenga, tenuto dal prof. Brandt del PIAC che il 7 settembre presenterà i dati dello studio e guiderà una visita al battistero.
A fine scavo si organizzerà una giornata di presentazione pubblica dei risultati, a cui parteciperanno anche studiosi esterni allo scavo stesso.
Durante i fine settimana, è consuetudine cercare di dedicare alcune giornate alla visita di monumenti ed aree di rilevante interesse storico e/o archeologico della riviera ligure di ponente (es. monumenti e musei della città di Albenga, Finalborgo, Noli). Qualora non fossero disponibili sufficienti automobili, per gli spostamenti si impiegheranno i mezzi pubblici.

Informazioni pratiche

  • Assicurazione. I partecipanti allo scavo verranno assicurati tramite l’università di Aix-en-Provence. Pertanto è necessario fornire con anticipo i dati anagrafici completi.
  • Vaccinazione antitetanica. Ai partecipanti allo scavo è richiesto di presentare certificato di vaccinazione antitetanica in corso di validità, o analoga dichiarazione del medico curante.
  • Non è sufficiente l’autocertificazione.
  • Clima. Tra settembre e ottobre il clima può essere molto variabile e, specie nella prima decade di ottobre, potranno verificarsi abbassamenti delle temperature. Si raccomanda pertanto di munirsi sia di creme solari ad alta protezione, cappello, sali minerali; ma anche di vestiario adeguato ad un clima più fresco, con felpa ed impermeabile.
  • Materiali a carico dei partecipanti: I partecipanti dovranno essere necessariamente muniti di scarpe antinfortunistiche, guanti da cantiere e trowel. Chi non fosse in possesso di trowel, previo preavviso di almeno due settimane dall’inizio dello scavo, potrà averla ad un prezzo tra i 12 e i 15 euro.

Come arrivare

  • Macchina: autostrada A10 Genova-Ventimiglia, uscita “Albenga”, seguire le indicazioni per loc. Vadino e campeggio Isola (ex Europa), dopo la caserma Piave (riva mare, zona occidentale di Albenga).
  • Treno: scendere alla stazione di Albenga e comunicare preventivamente all’organizzazione l’orario d’arrivo per il passaggio.
  • Aereo: i due aeroporti più vicini sono Genova (Italia) e Nizza (Francia). Genova dista da Albenga circa un’ora di macchina e Nizza due; gli aeroporti sono collegati alle stazioni ferroviarie delle due città.

Direzione e organizzazione

La ricerca avviene su concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo; il concessionario è il Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana di Roma; la direzione scientifica del cantiere è del prof. Philippe Pergola, docente al Pontificio e ad Aix-Marseille. I finanziamenti provengono principalmente dalla Fondazione Nino Lamboglia (dir. Alessandro Garrisi) e dalla Fondazione De Mari di Savona.
Il coordinamento del cantiere è affidato a Stefano Roascio, coadiuvato da Elena Dellù, mentre per l’analisi delle stratigrafie classiche collaborerà la dott. Giuseppina Spadea, già Soprintendente Archeologo della Liguria.

Per maggiori informazioni sul sito, con riassunto anche in lingua francese: http://www.accessit-git.eu/wp-content/uploads/2014/01/Chiesa-e-monastero-di-S.Calocero-al-Monte.pdf
Pagina Facebook dedicata: www.facebook.com/groups/275289205996290/?fref=ts

CONTATTI
Scrivere a infosancalocero@gmail.com
Stefano Roascio, mail stenor@libero.it, cell. 347.8612443
Elena Dellù, mail elena.dellu@libero.it, elena80dell@yahoo.it, cell. 339.6347274