Archeologia e Calcolatori, 23, 2012 – Documentare l’archeologia 2.0

32,00

Anno di stampa: 2013
ISBN: 9788878145498

Descrizione

Il volume accoglie undici contributi di studiosi italiani e internazionali incentrati sull’utilizzo delle più moderne tecnologie informatiche applicate sia nello scavo archeologico che nell’analisi dei dati e nella conservazione dei reperti. Altri otto contributi costituiscono la seconda parte del volume contiene “Documentare l’archeologia 2.0”, Atti del Workshop (Bologna, Alma Mater Studiorum Università di Bologna, 19 aprile 2012), a cura di Antonio Curci, Andrea Fiorini e centrato sulle opportunità di documentazione degli scavi archeologici con le nuove tecnologie. Chiude il volume la sezione dedicata alle recensioni.

Sommario
  • E. Zanini, F. Ripanti, Pubblicare uno scavo all’epoca di YouTube: comunicazione archeologica, narratività e video
  • M. Serlorenzi, F. Lamonaca, S. Picciola, C. Cordone, Il Sistema Informativo Territoriale Archeologico di Roma: SITAR
  • C.F. Mangiaracina, Costruzione di un sistema GIS a base regionale per lo studio della ceramica medievale in Sicilia
  • M. Biscione, M. Danese, Un sistema informativo geografico per l’architettura vernacolare dei centri storici: dal modello dei dati alla diagnostica. Il caso di Cancellara (PZ)
  • M. Frassine, G. Naponiello, RAPTOR: archeologia e tutela. Verso la pubblica amministrazione digitale
  • M.S. Vinci, La documentazione dell’edilizia storica in ambito urbano: applicazioni del raddrizzamento fotografico al caso del “Foro provinciale” di Tarragona
  • A. Arrighetti, M. Cavalieri, Il rilievo fotogrammetrico per nuvole di punti RGB della “sala triabsidata” del sito archeologico di Aiano-Torraccia di Chiusi (SI)
  • F.J. Garcia-Lázaro, P. Sala-Ballester, M. Farjas-Abadía, Morphometric analysis of engravings from photogrammetric point cloud data
  • K. Kovacs, K. Hanke, K. Lenzi, E. Possenti, G.P. Brogiolo, Utilization of airborne LiDAR datasets in GIS environment for prospection of archaeological sites in high Alpine regions
  • A. Brysbaert, L. Bocchi, E. Tuosto, Relating archaeological chaîne opératoire and process mining in computer science
  • A. Caravale, A. Piergrossi, Archeologia in rete. Le riviste open access: risorse e prospettive

Documentare l’archeologia 2.0, Atti del Workshop (Bologna, Alma Mater Studiorum Università di Bologna, 19 aprile 2012), a cura di Antonio Curci, Andrea Fiorini

  • A. Curci, A. Fiorini, Introduzione
  • A. Fiorini, Tablet PC, fotogrammetria e PDF 3D: strumenti per documentare l’archeologia
  • A. D’Andrea, M. Barbarino, Modellare lo scavo archeologico: esperienze e tecniche a confronto
  • A. Curci, A. Urcia, Verso un sistema integrato di documentazione dell’arte rupestre. L’esperienza AKAP (Egitto)
  • E. Giorgi, F. Boschi, M. Silani, J. Bogdani, Documentare l’archeologia da Burnum (Sebenico, Croazia) a Suasa (Ancona): una tradizione rinnovata
  • A. Arrighetti, Tecnologie fotogrammetriche e registrazione 3D della struttura materiale: dal rilievo alla gestione dei dati
  • P. Gilento, Fotogrammetria, nuvole di punti e rischio sismico. Applicazioni e riflessioni su una metodologia di rilievo
  • A. Urcia, M. Montanari, Scansione laser e ricostruzione digitale: il sito di San Severo a Classe (RA)

Recensioni

A. Coralini (ed.), DHER. Domus Herculanensis Rationes. Sito Archivio Museo, Bologna 2011, Ante Quem (A. Caravale); Digital Research in the Arts and Humanities, Series Editors M. Deegan, L. Hughes, A. Prescott, H. Short, Farnham, Ashgate (A. Caravale, A. Piergrossi)

Informazioni aggiuntive

Peso0.926 kg
Dimensioni24 × 17 × 2 cm
Luogo di stampa

Firenze

Anno di stampa

Tipologia

Libro

Pagine

352

Illustrazioni

illustrazioni in bianconero e colore

Legatura

brossura

ISSN

ISBN

Open Access

Licenza Creative CommonsQuest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.