Archeologia e Calcolatori, Supplemento 4, 2013. ArcheoFOSS. Free, Libre and Open Source Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica. Atti del VII Workshop (Roma, 11-13 giugno 2012)

32,00

Autore: Mirella Serlorenzi (a cura di)
Anno di stampa: 2013
ISBN: 9788878145740

COD: ACSUPPL 4 Categorie: , ,

Descrizione

La VII edizione del Workshop ArcheoFOSS si è svolta nella prestigiosa sede del Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo alle Terme. La Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, che ne ha promosso l’organizzazione, e in particolare il Soprintendente Mariarosaria Barbera e la dott.ssa Mirella Serlorenzi, insieme ai membri del Comitato Scientifico di ArcheoFOSS, hanno voluto coinvolgere nel dibattito anche la rivista «Archeologia e Calcolatori». Con grande piacere, dunque, abbiamo aderito alla richiesta degli organizzatori di partecipare alla seduta inaugurale e di dedicare un Supplemento alla pubblicazione degli Atti del Convegno, come era già avvenuto per la IV edizione, tenutasi a Roma presso la sede centrale del CNR nel 2009. Come si legge nel manifesto dell’evento, si può oggi operare in un quadro di rinnovata attenzione sull’argomento dell’open source, free software e open format nei processi di ricerca archeologica da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dei suoi istituti territoriali. Il fine perseguito si rivolge con particolare interesse alla necessaria interoperabilità tra le azioni degli enti territoriali e di tutela, gli enti di ricerca e le università per un’integrazione tra ricerca archeologica, salvaguardia, gestione amministrativa e promozione di una conoscenza diffusa e accessibile del patrimonio culturale. Nel manifesto si fa riferimento anche al tema della “liberazione dei dati”, nell’ottica di un chiaro sostegno e di un impegno concreto a favore delle forme di conoscenza condivisa e della libera circolazione dei dati scientifici. «Archeologia e Calcolatori», che ha aderito fin dal 2005 all’Open Archives Initiative, ben s’inquadra nel movimento di idee che tende a raccogliere la sfida lanciata da Internet quale mezzo funzionale emergente per la diffusione della conoscenza scientifica. L’adesione alla filosofia open access è strettamente collegata alle tematiche più care alla rivista, le cui pagine sono state testimoni dell’evoluzione di aspetti teorici e metodologici connessi con la formalizzazione dei linguaggi e con la comunicazione multimediale, aspetti che hanno senz’altro determinato un mutamento tecnologico e al tempo stesso culturale nella ricerca archeologica. L’intento perseguito dalla rivista, che presenta forti analogie con gli obiettivi indicati nel manifesto del Workshop ArcheoFOSS 2012, è di mantenersi al passo con le evoluzioni tecnologiche collegate alla produzione, alla conservazione e alla fruizione delle informazioni archeologiche e alla normalizzazione dei contenuti, di utilizzare la rete come ambiente per la consultazione, la condivisione e la trasmissione dei dati, promuovendo l’uso di standard internazionali, di dare impulso a una gestione integrata delle conoscenze e delle procedure d’indagine archeologica. (Paola Moscati)

Contents
  • P. Moscati, Prefazione
  • M. Serlorenzi, VII workshop ArcheoFOSS 2012: dal software libero alla conoscenza archeologica aperta
  • S. Costa, A. Palombini, La crisi del settimo anno: sette rassegne di progetti open source per l’archeologia italiana
  • Open data in Archeologia
  • M. Ciurcina, P. Grossi, Beni culturali: brevi note sui dati e sul loro uso pubblico alla luce delle recenti modifiche legislative
  • F. Anichini, G. Gattiglia, M.L. Gualandi, V. Noti, MOD (MAPPA Open Data). Conservare, disseminare, collaborare: un archivio open data per l’archeologia italiana
  • S.G. Malatesta, M. Milella, Wiki Loves Monuments e archeologia: condividere la conoscenza
  • M. Serlorenzi, I. Jovine, V. Boi, M. Stacca, Archeologia e open data. Stato dell’arte e proposte sulla pubblicazione dei dati archeologici
  • S. Martinelli, Il progetto Futouring. Cartografia open e licenze creative commons per la valorizzazione del patrimonio culturale del Lazio

Strumenti e sistemi FOSS nella gestione, tutela e valorizzazione

  • M. Frassine, G. Naponiello, RAPTOR 1.0. Archeologia e pubblica amministrazione: un nuovo geodatabase per la tutela
  • A. Cosner, S. Gaio, Pianificazione e salvaguardia del territorio attraverso l’analisi di fonti in ambiente GRASS-GIS: il paesaggio a prato-bosco di Sagron Mis
  • A. Arnoldus-Huyzendveld, A. Palombini, E. Pietroni, V. Sanna, S. Zanni, F. Remondino, Verso una metodologia condivisa per l’analisi del paesaggio antico: il progetto “Valle del tevere”
  • M. Serlorenzi, A. De Tommasi, R. Grassucci, A. Vismara, Il webGIS del SITAR: riflessioni, approcci e percorsi metodologici per la pubblicazione e la multi-rappresentazione dei dati territoriali archeologici
  • A.M. Marras, Una volta era il webGIS. La cartografia archeologica sul web: passato, presente e prospettive future

Strumenti e sistemi FOSS nella ricerca archeologica

  • L. Mandolesi, E. Cocca, PyArchInit: gli sviluppi dopo ArcheoFoss 2009
  • R. Boraso, D. Guenzi, Architetture scalabili per memorizzazione, analisi, condivisione e pubblicazione di grosse moli di dati
  • D. Francisci, ArchaeoSection: uno strumento “artigianale” per il rilievo delle sezioni archeologiche
  • F. Zonetti, La migrazione dei dati geospaziali dai sistemi di riferimento catastali a Gauss-Boaga: un confronto sperimentale tra gli strumenti software e le librerie proprietarie, free e open source
  • A. Bezzi, L. Bezzi, F. Furnari, D. Francisci, ArcheOS 4.0 – “Caesar”: novità e aspetti della distribuzione GNU/Linux dedicata all’archeologia

Strumenti e sistemi FOSS nella didattica e nella comunicazione per l’archeologia

  • F. Ripanti, M.S. Distefano, Ricostruzioni, 3D e narratività: strategie diversificate per la comunicazione dell’archeologia
  • F. Cantone, A. Chianese, Archeologia e informatica di base: sperimentazione di approcci non trasmissivi in open source
  • L. Bezzi, K. Feistmantl, S. Deola, V. Grazioli, S. Pedron, M. Stefani, Corso base di free software e open source in archeologia: bilancio di un’esperienza di divulgazione pratica

Sistemi GIS/SIT provvisti di funzionalità 3D

  • G. De Felice, A. Fratta, C. Moscaritolo, Il progetto “Archeo3D” per una gestione tridimensionale dei dati archeologici. Una prospettiva open?
  • A. Scianna, R. Sciortino, Utilizzo di strumenti free e open source per la fruizione di modelli 3D di siti archeologici basati sul formato PDF
  • Poster
  • A. Carabia, Wiki=beta: il modus vivendi di un sistema per documentare la ricerca
  • A. Cecchetti, Wiki e dintorni, riflessioni sull’utilizzo del web 2.0 per la gestione e la diffusione dei dati archeologici
  • G. Bigliardi, S. Cappelli, e. Cocca, Il sito di Adulis (Eritrea): raccolta e gestione dei dati archeologici tramite software open source
  • L. d’Altilia, P. Favia, R. Giuliani, F. Stoico, Analisi spaziali intra-site: soluzioni GIS open source per lo scavo archeologico del sito di Montecorvino
  • G. Magno, M. Marinato, M.L. Pulcini, M. Zago, P. Corsi, A. Canci, An open source osteological database proposal
  • G. De Felice, The seventh year itch. Considerazioni a margine di ArcheoFOSS 2012

OpenAccess eBook

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Archeologia e Calcolatori, Supplemento 4, 2013. ARCHEOFOSS Free, Libre and Open Source Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica. Atti del VII Workshop (Roma, 11-13 giugno 2012)

Informazioni aggiuntive

Peso0.95 kg
Dimensioni24 × 17 × 1.2 cm
Autore

Numero e serie

,

Luogo di stampa

Anno di stampa

Tipologia

Pagine

Illustrazioni

Legatura

ISSN

ISBN

Lingua

,

eBook

Consulta su Torrossa