Posted on

Museo dell’Abruzzo Bizantino ed Altomedievale di Crecchio (CH)

Crecchio - Castello Museo

VII Premio Riccardo Francovich 2019 – conferito al museo o parco archeologico italiano che, a giudizio dei propri Soci e dei cittadini partecipanti alla votazione, rappresenta la migliore sintesi fra rigore dei contenuti scientifici ed efficacia nella comunicazione degli stessi verso il pubblico dei non specialisti. Vittoria del Museo dell’Abruzzo Bizantino ed Altomedievale – Castello Ducale – Crecchio.

Comunicato stampa

Si svolgerà dal 22 al 24 febbraio, presso il Palazzo dei Congressi di Firenze, la V edizione di TourismA, manifestazione dedicata all’archeologia ed al turismo culturale organizzata dalla nota rivista Archeologia Viva, una delle prime in Italia dedicate alla divulgazione archeologica. Nell’arco dei tre giorni si potrà assistere ad una fitta serie di eventi rivolti alla divulgazione delle scoperte archeologiche ed alla valorizzazione del patrimonio culturale.

All’interno della manifestazione, la Società degli Archeologi Medievisti Italiani (SAMI), consegnerà i premi “Riccardo Francovich”, destinati ogni anno a personaggi che si siano distinti nella divulgazione del Medioevo italiano presso il grande pubblico, e al parco o museo archeologico italiano più innovativo ed efficace nella comunicazione dell’archeologia medievale.

Per quel che riguarda i museo il VII Premio “R. Francovich” per il miglior museo o parco archeologico è stato assegnato dal voto popolare (18880 voti – 49,09%), e dai soci SAMI (123 voti – 47,49%) al Museo dell’Abruzzo bizantino e Altomedievale di Crecchio (CH).

Si tratta di un risultato eccezionale, in quanto dei 6 musei concorrenti, Crecchio ha ottenuto quasi metà dei voti espressi, con secondo il Museo Archeologico Nazionale di Cividale, con le sue preziose testimonianze longobarde, mentre gli altri quattro candidati selezionati sono molto distanziati.

Ricordiamo che il Museo è ospitato nel Castello Ducale di Crecchio (Chieti), ed espone oggetti rinvenuti durante i campi di ricerca e poi gli scavi archeologici che la Soprintendenza archeologica dell’Abruzzo ha condotto, dal 1988 al 1991 con il supporto ed in stretta collaborazione con l’Archeoclub d’Italia sede di Crecchio, con il concorso importante anche del comune di Crecchio sul sito di una villa romano-bizantina scoperta in località Vassarella di Crecchio.

L’esposizione illustra la scoperta del sito archeologico narrandone lo scavo ed il restauro dei reperti all’interno di un percorso espositivo  che costituisce il punto di arrivo di un progetto sviluppatosi nel corso di un decennio.

Una storia suggestiva che parla di coinvolgimento della comunità e di una collaborazione fattiva e virtuosa tra istituzioni e volontariato.

Nell’ambito della manifestazione è andata sviluppandosi negli anni una ampia ricostruzione del mondo bizantino in Abruzzo, con un corteo storico ormai giunto ad oltre 150 personaggi in costumi filologicamente riprodotti da veri e proprio laboratori di filatura e ricostruzione corredi storici,

Notizie di dettaglio

Dall’aprile 1995 esiste ed è aperto al pubblico nel Castello Ducale di Crecchio (Chieti) il Museo dell’Abruzzo Bizantino ed Altomedievale, struttura espositiva che perpetua la Mostra sui Bizantini in Abruzzo, aperta nel periodo Agosto-Dicembre 1993, ed è nato dallo stretto ed innovativo rapporto di collaborazione fra Soprintendenza archeologica dell’Abruzzo, Archeoclub d’Italia – Sede di Crecchio – Comune di Crecchio, grazie ad  una conven­zione approvata dal Ministero per i Beni Culturali poi stipulata il 3 Marzo 1995.

Il museo, nel quale sono ospitate le importanti  testimonianze archeologiche dall’importante scavo della villa romano-bizantina in località Vassarella di Crecchio (1988-1992), racchiude preziose ed inedite testimonianze su un periodo storico dell’Abruzzo che era sino a quell’epoca quasi ignoto, le fasi  che vedono fra VI e VII secolo la Guerra fra Goti e Bizantini e la riconquista bizantina della regione (538-39 d.C.), la fine dell’assetto antico dell’area, l’invasione longobarda (dal 579), la persistenza dei Bizantini lungo le coste della regione sino alla metà del VII secolo e lo sviluppo dell’assetto altomedie­vale della zona.

Fra essi ricordiamo reperti assolutamente eccezionali, quali la Cathedra lignea, il grabde bacile di probabile provenienza copta, un corredo di ceramiche da mensa e cucina di grande articolazione e preziosità, fra cui la celebre ceramica dipinta nota come Ceramica tipo Crecchio.

In un allestimento particolarmente moderno ed accattivante sono proposti al pubblico reperti ed oreficerie tardoromane, gote, longobarde e bizantine, unitamente ad un’aggiornatissima documentazione sulle più recenti ricerche archeologiche nella zona.

La struttura, sotto la direzione scientifica della Soprintendenza, e con il supporto del comune, è gestita per quel che riguarda la sua apertura da parte del succitato Archeoclub, che opera in stretta sinergia con le varie associazioni culturali e realtà economiche del territorio.

Da questa collaborazione è poi nata nel 2005 la ormai celebre manifestazione “ A Cena con i Bizantini”, sviluppatasi in origine nell’ambito della grande rassegna nazionale promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali-Direzione Generale per i Beni Archeologici su “Cibi e Sapori nell’Italia antica”, la cui direzione artistica è svolta dal direttore del museo, che si svolge nell’ultimo week end di luglio ed è giunta l’estate scorsa alla XIV edizione, con grandissimo successo di pubblico dovuto all’accattivante mix fra cultura, archeologia, gastronomia, e suggestive ricostruzioni d’ambiente, dovute al paziente e filologico lavori di appositi laboratori costituiti proprio dall’Archeoclub d’Italia-sede di Crecchio.

 

Li, 6 febbraio 2019

Il Direttore del Museo
dott. Andrea R. Staffa

Posted on

Ercole a Palazzo

giardino del duca
La Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara e il Polo Museale per l’Emilia-Romagna promuovono un’intervista impossibile e un ciclo di conferenze collegate alla pubblicazione “Ferrara ai tempi di Ercole I d’Este

Ercole a Palazzo

Museo Archeologico Nazionale di Ferrara
Via XX Settembre n. 122
info 0532 66299  pm-ero.archeologico-fe@beniculturali.it

10 marzo (ore 10,30): Alla scoperta di Eleonora d’Aragona
Intervista impossibile a cura di Chiara Guarnieri e Marco Borella con Giulia Gabanella

15 marzo (ore 16.30): L’evoluzione e l’aspetto dei Palazzi Estensi
Conferenza di Chiara Guarnieri

22 marzo (ore 16.30): Il Giardino delle Duchesse
Conferenza di Chiara Guarnieri e Giovanna Bosi

29 marzo (ore 16.30): il Giardino Pensile di Eleonora d’Aragona e il Camerino d’Alabastro di Alfonso I: due spazi privati all’interno del Castello
Conferenza di Chiara Guarnieri

5 aprile (ore 16.30): La tavola estense: le stoviglie e il cibo. Risultati delle analisi della vasca di scarico del Palazzo di Corte
Conferenza di Chiara Guarnieri, Marta Bandini Mazzanti, Martina Demaria, Ivano Ansaloni e Aurora Pederzoli

Domenica 10 marzo 2019, ore 10.30
in occasione del finissage della Mostra “EsteViva 50 anni del Palio a Ferrara”
Alla scoperta di Eleonora d’Aragona
L’intervista impossibile a cura di Chiara Guarnieri e Marco Borella
con Giulia Gabanella

L’attenzione sulle donne legate al mondo degli estensi si è sempre soffermata su figure dalla condotta passionale o peccaminosa oppure segnate da eventi drammatici. Niente di più remoto dalla prima duchessa di Ferrara Eleonora d’Aragona, figlia di Ferrante re di Napoli, moglie del duca Ercole I  e madre di sei figli: un personaggio di primissimo piano nella Ferrara del Quattrocento.
L’intervista impossibile condotta dall’archeologa della soprintendenza Chiara Guarnieri e dall’architetto Marco Borella traccia un ritratto di questa donna straordinaria, autenticamente onesta e attentissima all’educazione dei figli, timorosa di Dio, autorevole e risoluta nei momenti più difficili, se non disperati, e al tempo stesso tollerante e comprensiva -fu ad esempio protettrice degli ebrei- in un’epoca poco incline ad ammettere la presenza dell'”altro”.

Venerdì 15 marzo 2019, ore 16.30
L’evoluzione e l’aspetto dei Palazzi Estensi
Conferenza di Chiara Guarnieri

L’incontro illustra i risultati degli scavi che hanno interessato per più di un decennio il centro storico di Ferrara dove si concentravano i palazzi del potere della signoria Estense. Sono venuti in luce i resti del Palazzo di Corte Vecchia, abbattuto nel 1479, nonché le fasi più antiche del Palazzo Ducale, con la scoperta del Cortile delle Lastre e della Loggia Grande.

Venerdì 22 marzo 2019, ore 16.30
Il Giardino delle Duchesse
Conferenza di Chiara Guarnieri e Giovanna Bosi

L’incontro con l’archeologa Chiara Guarnieri e la botanica Giovanna Bosi è incentrato sulle indagini archeologiche realizzate nel Giardino delle Duchesse che hanno permesso di delinearne l’aspetto di quest’area verde nel momento della sua realizzazione (1479).
Le analisi polliniche e botaniche hanno anche svelato le specie ornamentali e da frutto che ne ornavano gli spazi.

Venerdì 9 marzo 2019, ore 16.30
Il Giardino Pensile di Eleonora d’Aragona e il Camerino d’Alabastro di Alfonso I: due spazi privati all’interno del Castello
Conferenza di Chiara Guarnieri

L’incontro con l’archeologa Chiara Guarnieri illustra le due indagini archeologiche che hanno permesso di realizzare due eccezionali scoperte: il Giardino Pensile di Eleonora d’Aragona e le stanze relative ai cosiddetti Camerini d’alabastro dove era conservata la collezione privata di Alfonso I.

Venerdì 5 aprile 2019, ore 16.30
La tavola estense: le stoviglie e il cibo. Risultati delle analisi della vasca di scarico del Palazzo di Corte
Conferenza di Chiara Guarnieri, Marta Bandini Mazzanti, Martina Demaria, Ivano Ansaloni e Aurora Pederzoli

Lo scavo in piazza Municipale ha portato alla luce una vasca di scarico dei rifiuti del Palazzo di Corte Vecchia contenente stoviglie per la tavola, per la cucina e moltissimi resti di pasto. Grazie allo studio di questi reperti archeologi, botanici e archeozoologi hanno potuto delineare cosa e come si mangiasse alla tavola degli Estensi.

Comunicazione  a cura di Carla Conti (OdG 83183)
Ufficio stampa Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara
Via Belle Arti 52 – 40126 Bologna
tel. (+39) 051 0569338
www.archeobologna.beniculturali.it  – www.sbapbo.beniculturali.it


Posted on

Museo Archeologico Nazionale di Cividale – attività marzo-aprile 2019

Museo Archeologico Nazionale - Cvidale.

Comunicato del Museo Archeologico Nazionale di Cividale

Ci aspetta una primavera speciale, con proposte e appuntamenti per tutti!

Domenica 3 marzo, una prima domenica del mese ancora gratuita con laboratorio dedicato a bambini e famiglie per imparare e divertirsi usando fili e telaio, anticipa un’intera settimana di gratuità dal 5 al 10 marzo, nella quale potrete trovare un ricco calendario di iniziative.

  • Martedì 5 e mercoledì 6 marzo ore 11.00 visita ai resti del palazzo patriarcale (con prenotazione)
  • Giovedì 7 marzo ore 17.30 incontro con Franco Fornasaro dal titolo Le antiche genti aprirà la rassegna Cerniera di popoli. Dal centro dell’Europa uno sguardo sulla storia.
  • Venerdì 8 marzo ore 17.30 incontro dal titolo Regine. Donne e potere nell’età longobarda, a cura di Angela Borzacconi.
  • Domenica 10 marzo ore 16.30 caccia al tesoro tra le sale del museo, a cura di Archeoscuola (con prenotazione)

E non è tutto qui … MARZO continua con altri appuntamenti da non perdere … e APRILE anche!

In allegato il calendario delle iniziative.

Vi aspettiamo!

Locandina in formato pdf: LOCANDINA maraprile_2019


Posted on

Catalogo generale, in formato pdf – aggiornato a febbraio 2019.

Catalogo generale, in formato pdf - aggiornato a febbraio 2019.

Sono qui elencati tutti i volumi da noi editi. Il presente annulla ogni precedente catalogo. Per aggiornamenti, integrazioni, offerte e sconti rimandiamo al nostro sito. All’interno del sito l’intero catalogo, con schede, indici, recensioni, volumi di altre case editrici da noi distribuiti e tutte le notizie riguardanti la nostra attività editoriale. Sul sito potete accedere a sconti, acquisto in abbonamento dei periodici, acquisto in formato digitale (ebook) e offerte particolari su collezioni o singoli volumi.

Per i soci della SAMI, i soci ANA e gli abbonati alla rivista “Archeologia Medievale”, sconto del 20% su tutte le pubblicazioni. Link alla pagina degli sconti: https://www.insegnadelgiglio.it/acquisti/sconti/

Visualizza / scarica il catalogo in formato pdf – aggiornato al febbraio 2019.

Contenuti

Modalità di acquisto
Ordini
Spedizioni
Pagamenti

Periodici

APM. Archeologia Postmedievale. Società. Ambiente. Produzione. issn 1592-5935, e-issn 2039-2818
Archeologia dell’Architettura. issn 1126-6236, e-issn 2038-6567
Archeologia e Calcolatori. issn 1120-6861, e-issn 2385-1953
Supplementi. issn 2385-202X, e-issn 2385-2038
Archeologia Medievale. Cultura materiale, insediamenti, territorio. issn 0390-0592, e-issn 2039-280X
Arimnestos. issn 2611-5867, e-issn 2611-5867
Bollettino dell’Associazione Iasos di Caria. issn 1972-8832, e-issn 2420-7861
Quaderni di Archeologia d’Abruzzo. Notiziario della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Abruzzo issn 2239-3145, e-issn 2239-6233
SAIA, Annuario della Scuola Archeologica di Atene e delle Missioni Italiane in Oriente issn 0067-0081, e-issn 2585-2418

Pubblicazioni periodiche sospese

Annali Aretini. issn 1126-232X.
Archeologia dell’Emilia Romagna. issn 1126-1587
Contesti. Città. Territori. Progetti. issn 2035-5300, e-issn 2038-6583
NAVe. Notizie di Archeologia del Veneto. issn 2385-0213, e-issn 2385-2356
Notiziario della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Friuli Venezia Giulia. issn 2035-5947, e-issn 2239-6225
Notiziario della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana. issn 2035-5297, e-issn 2280-3661
Supplementi. issn 2385-2046
Opus. Rivista internazionale per la storia economica e sociale dell’antichità.
Pagani e Cristiani. Forme e attestazioni di religiosità del mondo antico in Emilia. issn 2038-4904, e-issn 2281-3756
Rassegna di Archeologia. dall’1 al 17: issn 1721-6281
(serie A) preistorica e protostorica. issn 1721-629X, e-issn 2039-2826
(serie B) classica e postclassica. issn 1721-6303, e-issn 2039-2834

Serie

ANTIQVARIVM ARBORENSE. issn 2611-0024
ArcheoAlpMed – Archeologia delle Alpi e del Mediterraneo tardoantico e medievale. issn 0000-0000
Archeologia del Veneto. issn 2284-0044
Archeologia Piemonte. issn 2282-491X
ArcheoMed Monografie. issn 2465-0226
Albisola. Atti dei Convegni Internazionali della Ceramica. issn 2035-5483
AZA – Arid Zone Archaeology, Monographs. issn 2035-5459
Biblioteca di Archeologia dell’Architettura. issn 2035-5327
Biblioteca di Archeologia Medievale. issn 2035-5319
DM – Dialoghi sul Medioevo. issn 2611-4364
DAP – Documenti di Archeologia Postmedievale. issn 2035-5335
ISCUM – Biblioteca dell’Istituto di Storia della Cultura Materiale. issn 2039-067X
ISCUM – Quaderni dell’Istituto di Storia della Cultura Materiale. issn 2039-0688
Fondazione Museo Montelupo. issn 0000-0000
Flos Italiae. Documenti di archeologia della Cisalpina Romana. issn 1723-817X
Futuro Anteriore. issn 1723-4565
Grandi contesti e problemi della Protostoria Italiana. issn 2035-5440
IdA – Insediamenti d’Altura. issn 2385-166X
Materia e Arte. issn 2421-3578
Medioevo scavato. Schola Salernitana. issn 2035-5386
QUAVAS. Quaderni del centro di documentazione dei Villaggi Abbandonati della Sardegna. issn 2035-5432
Quaderni di Archeologia Medievale. issn 1973-1728
Quaderni di Archeologia dell’Emilia Romagna. issn 1593-2680
Ricerche di Archeologia Altomedievale e Medievale. issn 2035-5416
SAIA, Monografie della Scuola Archeologica di Atene e delle Missioni Italiane in Oriente
SAMI – Società degli Archeologi Medievisti Italiani – Congresso Nazionale di Archeologia Medievale. issn 2421-5910
SAMI – Società degli Archeologi Medievisti Italiani – Contributi di Archeologia Medievale. Premio Ottone d’Assia e Riccardo Francovich. issn 2035-5424
SAMI – Società degli Archeologi Medievisti Italiani – Metodi e temi dell’Archeologia Medievale. issn 2035-5408
Storia e storie dei territori. Memorie. Identità. Resistenza. issn 2282-7536
Storie di Paesaggi Medievali. issn 2531-8330
Università di Siena – Archeologia dei Paesaggi Medievali. Collana Multimediale. issn 2035-5467.
Università di Siena – Biblioteca del Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti. Sezione Archeologica. Università di Siena. issn 2035-5351
Università di Siena – χω˜ραι. Collana di studi regionali. issn 2035-5475
Università di Siena – Quaderni del Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti. Sezione Archeologica. Università di Siena. issn 2035-536X
Università di Siena – Trame nello spazio. Quaderni di geografia storica e quantitativa. issn 2035-5394

Monografie

Ambiente.
Antropologia storica.
Archeologia.
Archeologia – Atti di Convegni e Seminari.
Archeologia – Insegnamento di Archeologia Medievale. Dipartimento di Studi Umanistici. Università Ca’ Foscari di Venezia.
Architettura.
Archivistica.
Atlante dei Beni Archeologici della Provincia di Modena.
Edizioni per ragazzi.
Fonti.
Musei, guide, collezioni e mostre.
Preistoria e protostoria.
Storia.
Storia dell’Arte.
Varie.
Vetro. Tipologie e restauro.

Indice analitico

Posted on

Ancora a Canossa, 2019.

Locandina CANOSSA 2019, particolare.

15/02/2019 ore 10:00-16:00

Teatro Comunale a Ciano d’Enza, Piazza Matilde di Canossa, n. 2 Canossa (RE)

Dipartimento di Storia Culture Civiltà Centro studi di Storia dei sistemi inseditiavi, Università di Verona Dipartimento di Culture e Civiltà, Comune di Canossa, Club Alpino Italiano, Club Albinea Ludovico Ariosto, Club Canossa Val d’Enza, Soprintendenza archeologica, Belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le Province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara, Polo Museale Emilia Romagna

presentano il Convegno

Ancora a Canossa. La ricerca archeologica 2018/2019

Partecipanti

C. Ambrosini, A. Quintino Sardo, G. Bandiera, C. Romano, A. Capurso, P. Galetti, F. Saggioro, E. Lerco, N. Mancassola, G. Cervi, F. Zoni, M. F.A. Cantatore, D. Morini, C. Ferretti.

Locandina CANOSSA 2019, in formato pdf, con il programma completo.

Posted on

Firenze e la cultura islamica

Firenze e la cultura islamica.

FIRENZE – Palazzo dei Congressi
Con il patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali

DOMENICA 24 FEBBRAIO 2019

Sala 4, ore 16:30 – 18:00

UNA STORIA FIORENTINA
Sulle tracce del Vicino Oriente islamico

A cura della Cattedra di Archeologia medievale – Università di Firenze

Presentazione di:
Firenze e la cultura islamica. Una guida essenziale
edizioni All’Insegna del Giglio

Realizzazione: Laboratori Archeologici San Gallo
Supervisione scientifica: Guido Vannini e Giovanni Curatola
Con il contributo di: Talai Abu Ghazaleh Organization.

Michele Nucciotti, Chiara Marcotulli, Elisa Pruno
Laboratori Archeologici San Gallo spin-off accademico Università di Firenze

Ingresso libero e gratuito

Posted on

Premio Riccardo Francovich 2019

SAMI, Matera 2018.

Premio Riccardo Francovich 2019. VII edizione, anno 2019

La Società degli Archeologi Medievisti Italiani (SAMI) ha istituito, a partire dal 2013, un premio intitolato alla memoria del professor Riccardo Francovich, conferito al museo o parco archeologico italiano che, a giudizio dei propri Soci e dei cittadini partecipanti alla votazione, rappresenta la migliore sintesi fra rigore dei contenuti scientifici ed efficacia nella comunicazione degli stessi verso il pubblico dei non specialisti.

La Commissione Giudicatrice, presieduta da Paul Arthur (Presidente SAMI; Professore di Archeologia medievale, Univ. Salento), è composta da Eva degl’Innocenti (Direttrice, Museo Archeologico Nazionale di Taranto), Francesca Morandini (Musei Civici d’Arte e Storia di Brescia), Fabio Pagano (Direzione Generale Musei, MIBAC), Piero Pruneti (Direttore di Archeologia Viva), Giuliano Volpe (Professore di Archeologia medievale, Univ. Foggia), Anna Maria Visser (Professore di Museologia, Univ. Ferrara).
La Commissione ha selezionato i seguenti sei musei-siti:

  • Museo dell’Abruzzo bizantino ed altomedievale – Castello ducale di Crecchio, Crecchio (Chieti)

  • Museo provinciale Castel Tirolo (Bolzano)

  • Museo Archeologico Nazionale di Cividale del Friuli (Udine)

  • Parco archeologico di Castelseprio e Monastero di Torba (Varese)

  • Torre di Satriano in Tito (PZ) – Museo multimediale e area archeologica di Satrianum

  • Museo di Nonantola (Torre dei Bolognesi) e Museo Benedettino e Diocesano di Arte Sacra, Abbazia di Nonantola (Modena)

Sono disponibili due distinte votazioni, una riservata ai soci SAMI (in basso a destra) ed una aperta a chiunque voglia esprimere la propria preferenza (in basso a sinistra).
Ricordiamo che è possibile votare una sola volta (fornendo un massimo di 2 preferenze).

Le votazioni sono aperte sino al 31 gennaio 2019.

Pubblicheremo la classifica definitiva al termine delle votazioni.

Il Presidente          Prof. Paul Arthur
Il Segretario          Prof. Federico Marazzi

Link alla pgina web sul sito della SAMI, per la votazione.

Riccardo Francovich.
Riccardo Francovich.
Posted on

TourismA 2019

TourismA - Firenze.

Firenze – Palazzo dei Congressi 22-24 febbraio 2019

Con il patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali

Saremo presenti con le nostre edizioni!

Ultimi volumi pubblicati:

Volumi in offerta (clicca qui per l’elenco completo):