Posted on

Ancora a Canossa, 2019.

Locandina CANOSSA 2019, particolare.

15/02/2019 ore 10:00-16:00

Teatro Comunale a Ciano d’Enza, Piazza Matilde di Canossa, n. 2 Canossa (RE)

Dipartimento di Storia Culture Civiltà Centro studi di Storia dei sistemi inseditiavi, Università di Verona Dipartimento di Culture e Civiltà, Comune di Canossa, Club Alpino Italiano, Club Albinea Ludovico Ariosto, Club Canossa Val d’Enza, Soprintendenza archeologica, Belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le Province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara, Polo Museale Emilia Romagna

presentano il Convegno

Ancora a Canossa. La ricerca archeologica 2018/2019

Partecipanti

C. Ambrosini, A. Quintino Sardo, G. Bandiera, C. Romano, A. Capurso, P. Galetti, F. Saggioro, E. Lerco, N. Mancassola, G. Cervi, F. Zoni, M. F.A. Cantatore, D. Morini, C. Ferretti.

Locandina CANOSSA 2019, in formato pdf, con il programma completo.

Posted on

La sostenibilità e la valutazione delle riviste scientifiche italiane in ambito SSH

Locandina, convegno Macerata, editoria.

Convegno: La sostenibilità e la valutazione delle riviste scientifiche italiane in ambito SSH

Giovedì 23 novembre 2017 – Aula Magna Polo didattico Bertelli , C.da Vallebona, Macerata

Programma

ore 9.30

Saluti

Francesco Adornato / Magnifico Rettore Università di Macerata
Michele Corsi / Direttore del Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo
Raffaella Rumiati / Vicepresidente ANVUR

Apertura dei lavori

Massimo Montella / Università di Macerata, Direttore “IL CAPITALE CULTURALE” Le ragioni di un convegno

I SESSIONE
ACCESSO APERTO, METODI DI VALUTAZIONE, BIBLIOMETRIA E RUOLO DEGLI EDITORI

Introduce e presiede

Pierluigi Feliciati / Università di Macerata, Comitato editoriale “IL CAPITALE CULTURALE”

Roberto Delle Donne / Università degli Studi di Napoli Federico II e Commissione Biblioteche della CRUI
L’accesso aperto, le università e le SSH

Fulvio Guatelli / Firenze University Press
L’editoria universitaria tra ricerca e mercato

Simona Turbanti / Università di Pisa
L’editoria scientifica e la valutazione

Comunicazioni

Elisabetta Michetti / Università di Macerata
La policy sull’open access dell’Università di Macerata

ore 14.30

II SESSIONE

Tavola rotonda
SU ACCREDITAMENTO, VALUTAZIONE E MULTIDISCIPLINARITÀ

Presiede
Sergio Barile / Università di Roma “La Sapienza”,Comitato scientifico “IL CAPITALE CULTURALE”

Introduce
Mara Cerquetti / Università di Macerata, Comitato editoriale “IL CAPITALE CULTURALE”

Partecipano
Claudio Baccarani e Gaetano Golinelli / Rivista “Sinergie”
Graziella Bertocchi / Coordinatrice GEV13 2011-2014
Vincenzo Capizzi / ADEIMF – Associazione dei Docenti di Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari
Daniele Dalli / SIM – Società Italiana di Marketing, SIMA – Società Italiana di Management e rivista “Mercati e competitività”
Marina D’Amelia / SIS – Società Italiana delle Storiche
Sauro Gelichi / Consulta Universitaria Archeologia Post-Classica e riviste “Archeologia Medievale” e “Archeologia dell’Architettura”
Luigi Mascilli Migliorini / SISEM – Società Italiana per la Storia dell’Età Moderna e “Rivista italiana di studi napoleonici”
Maria Grazia Messina / CUNSTA – Consulta Universitaria Nazionale di Storia dell’Arte e GEV 10 2011-2014
Rosa Marisa Borraccini / SISBB – Società italiana di Scienze Bibliografiche e Biblioteconomiche
Massimiliano Rossi / SISCA – Società Italiana di Storia della Critica d’Arte e “Annali di critica d’arte. Nuova Serie”

Dibattito

Info: Mara Cerquetti, mara.cerquetti@unimc.it – Pierluigi Feliciati, pierluigi.feliciati@unimc.it

Scarica il programma in formato pdf: Locandina_Convegno_riviste_scientifiche

Posted on

I contenitori da trasporto alto-medievali e medievali

Anfore, Roma, nov. 2017, logo.

I contenitori da trasporto alto-medievali e medievali (VIII-XII secolo). Centri produttori, contenuti, reti di scambio

In memoria di Fabiola Ardizzone

Questo seminario vuole contribuire a chiarire la storia degli scambi e dei consumi di cibi trasportabili in anfora nel Mediterraneo, dopo il VII e fino al XII secolo. Più nello specifico si vogliono individuare con maggiore precisione le diverse aree di produzione delle anfore altomedievali/medievali e quindi il raggio di circolazione dei loro prodotti (contenitore e contenuto). Questo comporta la necessità di meglio definire tipologie, cronologie, impasti, contenuto organico. Un ulteriore obiettivo è quello di far emergere con maggiore chiarezza i contesti d’uso delle anfore, vale a dire con quali altri reperti mobili sono associate e la natura del sito di rinvenimento

COMITATO SCIENTIFICO

  • Sauro Gelichi – Università Ca’ Foscari Venezia
  • Alessandra Molinari – Università di Roma “Tor Vergata”

SEGRETERIA SCIENTIFICA

  • Paola Orecchioni – Università di Roma “Tor Vergata”
  • contenitoridatrasporto@gmail.com

CONTATTO

  • École française de Rome
  • Pierre Savy – Directeur des études médiévales
  • Grazia Perrino – Assistante scientifique
  • Piazza Farnese, 67 – 000186 Roma – Italia – T. +39 06 68 60 12 48 – secrma@efrome.it

Gli atti verranno pubblicati sul prossimo numero della rivista Archeologia Medievale.

Visualizza/scarica il programma in formato pdf.

Anfore, Roma, nov. 2017.

Posted on

Le monete e le zecche

Le monete e le zecche, 1, 2017.

Per una storia economica e sociale della Toscana bassomedievale: le monete e le zecche

Massa Marittima
20-21 ottobre 2017
Le Clarisse, Piazza XXIV Maggio 10

20 ottobre 2017

ore 9,00 Iscrizione dei partecipanti

ore 9,30 Saluti istituzionali

ore 10,00 Sessione del mattino

Presiede Giovanna Bianchi, Università di Siena
– L. Travaini, La zecca: tecnologia e sacralità, simbologia e identità
– M. Baldassarri, Zecche e monetieri nella Toscana bassomedievale: nuovi dati dalle recenti ricerche
– W.Jr. Day, La zecca affidata: zecchieri italiani nelle zecche straniere del Trecento
– M. Sozzi, La zecca e le monete di Massa di Maremma

Pausa pranzo

ore 14,30 Sessione del Pomeriggio

Presiede Lucia Travaini, Università degli Studi di Milano
– G.C. Cianferoni, G. Roncaglia, Nuovi dati sulla zecca di Firenze. Le indagini archeologiche
– M. Baldassarri, I. Carli, Zecche clandestine e falsari nel Medioevo: dati storici e archeologici sulla Toscana e le aree limitrofe
– G. Bianchi, C. Cicali, Montieri. Formazione e sviluppo di un castello minerario
– L. Dallai, C. Lombardi, M. Negri, Le Colline Metallifere grossetane ed il territorio di Massa Marittima nel basso Medioevo: le ricerche sui contesti minerari. Stato dell’arte, metodologie di studio, recenti indagini
– A. Fichera, C. Cicali, Archeologia urbana a Massa Marittima. Un quartiere medievale emerge nel cantiere di restauro delle mura

Le monete e le zecche, 2, 2017.21 ottobre 2017

ore 9,30 iscrizione dei partecipanti

ore 10,00 Sessione del mattino

Presiede Maria Luisa Ceccarelli Lemut, Società Storica Pisana
– A. Feniello, Economia e società nel Trecento: uno sguardo generale
– S. G. Magni, Firenze nel Trecento
– A. Poloni, L’economia di Pisa nel Trecento
– I. del Punta, Monete, mercanti e imprenditori nella Lucca bassomedievale (secc. XIII-XIV)

ore 14,30 Sessione del Pomeriggio

Presiede Maria Luisa Ceccarelli Lemut, Società Storica Pisana
– A. Furiesi, Volterra nel Trecento
– G. P. Sharf, Oltre la terra. L’economia non agraria dell’aretino fra Duecento e prima metà del Trecento
– M. Paperini, Massa di Maremma e Siena: economia e società del Trecento a confronto

ore 17,00 Visita alla mostra “Monete e zecche nella Toscana del Trecento” in corso al Complesso Museale di San Pietro all’Orto

info: www.comune.massamarittima.gr.it; 0566/906291-292
per raggiungere la sede del convegno: www.turismomassamarittima.it/dove-siamo/

Posted on

50° Convegno Internazionale della Ceramica

Centro Ligure per la Storia della Ceramica
Civico Museo Archeologico e della Città – Savona

Cinquant’anni di studi sulla ceramica e il contributo del Centro Ligure per la Storia della Ceramica

50° Convegno Internazionale della Ceramica
Savona, 6-7 ottobre 2017
Complesso monumentale del Priamàr – Palazzo della Loggia

Relatori

  • NICODEMO ABATE, Università Suor Orsola Benincasa e Università “Luigi Vanvitelli” – Napoli
  • FRANCESCA AGRÒ, Università Ca’ Foscari – Venezia
  • CARLA ALEO NERO, Soprintendenza BB.CC. AA. -Palermo
  • HENRI AMOURIC, CNRS- Aix-en-Provence
  • MARÍA JOSÉ BADENAS POBLACIÓN, Museo Nacional de Ceramica “G. Martì” – Valencia
  • FAUSTO BERTI, Museo della Ceramica – Montelupo Fiorentino
  • HUGO BLAKE, Royal Holloway, University of London
  • GIULIO BUSTI, Museo Regionale della Ceramica – Deruta
  • MASSIMILIANO CALDERA, Soprintendenza A.BA.P. – Novara
  • CLAUDIO CAPELLI, Università di Genova
  • IRENE CARTA, Università degli Studi di Cagliari
  • RAFFAELLA CARTA, Unione dei Comuni della Bassa Valle del Tirso e del Grighine – Cagliari
  • GIUSEPPE CLEMENTE, Centro Ligure per la Storia della Ceramica – Pisa
  • FRANCO COCCHI, ceramologo – Deruta
  • CECILIA CHILOSI, Centro Ligure per la Storia della Ceramica – Albisola
  • JAUME COLL CONESA, Museo Nacional de Ceramica “G. Martì” – Valencia
  • ELVIRA D’AMICO, Soprintendenza BB.CC.AA. – Messina
  • FRANÇOISE DEJOAS, Museo Archeologico Regionale – Gela
  • LUIGI DI COSMO, Università Suor Orsola Benincasa – Napoli
  • SALVINA FIORILLA, Soprintendenza BB.CC.AA. – Ragusa
  • SAURO GELICHI, Università Ca’ Foscari – Venezia
  • MARCELLA GIORGIO, Polo Museale della Sardegna – Sassari
  • CINZIA LECCA, Università degli Studi di Cagliari
  • LESTER LONARDO, Seconda Università di Napoli
  • MARIA FLAVIA LO REGIO, Università degli Studi di Macerata
  • ALFONSO MAMMATO, Università Suor Orsola Benincasa e Università “Luigi Vanvitelli” – Napoli
  • ISABELLA MARCHETTA, archeologa collaboratore esterno Soprintendenza A.BA.P. della Basilicata
  • MARINO MARINI, Museo Nazionale del Bargello – Firenze
  • VALENTINA MAZZOTTI, Museo Internazionale delle Ceramiche – Faenza
  • CLARA MENGANNA, Museo regionale della ceramica- Deruta
  • MARCO MILANESE, Università degli Studi di Sassari
  • LUCA PESANTE, ceramologo – Roma
  • MARIA FRANCESCA PORCELLA, Soprintendenza A.BA.P. – Cagliari
  • GARCIA PORRAS, Universidad de Granada
  • SARA PUGGIONI, Museo Nacional de Ceramica “G. Martì” – Valencia
  • CARMEN RAVANELLI GUIDOTTI, Museo Internazionale delle Ceramiche – Faenza
  • CATIA RENZI RIZZO, Università degli Studi di Pisa
  • LUCAS SÁEZ GONZÁLEZ, Museo Nacional de Ceramica “G. Martì” – Valencia
  • ENCARNA SEBASTIÁ PERALES, Museo Nacional de Ceramica “G. Martì” – Valencia
  • VINCENZO VALENZANO, Centro Ligure per la Storia della Ceramica – Foggia
  • LUCY VALLAURI, CNRS- Aix-en-Provence

Programma

VENERDÌ 6 OTTOBRE ore 9,30

Saluti delle Autorità

  • H. BLAKE, Il faro ligure nel Mediterraneo: ‘Albisola’ tra ceramologia e storia.
  • S. GELICHI, Compagni di viaggio. La ricerca sulla ceramica medievale nell’esperienza dell’AIECM3.
  • C. ALEO NERO, Albisola e la ceramica medievale e postmedievale in Sicilia. Appunti per un bilancio e possibili prospettive di ricerca.
  • C. CAPELLI, Il contributo delle analisi petrografiche negli studi della ceramica mediterranea medievale e postmedievale. Tiziano Mannoni tra passato e futuro.
  • H. AMOURIC, L. VALLAURI, Entre Italie et Midi français: «Un goût d’Italie», quoi de neuf ?
  • G. PORRAS, La cerámica esmaltada bajomedieval en las áreas islámica y cristiana de la Península Ibérica. Implantación productiva, transmisiones tecnológicas y flujos de comercio
  • C. RENZI RIZZO, Fare storia con le ceramiche e le fonti scritte: la pluridecennale esperienza pisana.

DISCUSSIONE

SESSIONE POMERIDIANA ore 14,30

  • M. GIORGIO, Colori nel cielo. 50 anni di studi sui bacini ceramici.
  • C. RAVANELLI GUIDOTTI, Il Centro Ligure e Faenza: contributi istituzionali e ceramologici.
  • V. MAZZOTTI, Per una ricognizione degli studi sulla ceramica di Faenza.
  • I. MARCHETTA, I convegni di Savona e il Museo Archeologico Nazionale di Melfi: come la ricerca nutre l’economia dei musei.
  • F. BERTI, Gli statuti delle arti e l’organizzazione corporativa dei vasai in Italia.
  • G. BUSTI, F. COCCHI, Il rinnovamento della ceramica di Deruta nella metà del Quattrocento.
  • C. CHILOSI, L’istoriato tardo rinascimentale ligure: la vaseria dell’antica farmacia Cavanna di Genova.
  • M. MILANESE, Fonti e sistemi di fonti. La ceramica postmedievale e le sue anime.

DISCUSSIONE

ASSEMBLEA DEI SOCI DEL CENTRO ore 18

SABATO 7 OTTOBRE ore 9,30

Tema libero

  • J. COLL CONESA, L. SÁEZ GONZÁLEZ, E. SEBASTIÁ PERALES, El conjunto de cerámica medieval de la unidad de descarga UE273 del Barri d’Obradors de Manises.
  • J. COLL CONESA, S. PUGGIONI, MARÍA J. BADENAS POBLACIOM, El pecio de El Puig (Valencia). Un contexto cerrado de lozas medievales del tipo Pula del siglo XIV y sus asociaciones.
  • M. CALDERA, L’alberello ‘istoriato’ cinquecentesco dei Musei Civici di Savona: modelli figurativi e vicende storiografiche
  • G. CLEMENTE, Vasi da giardino dall’Orto Botanico di Pisa (XVII-XX secolo).
  • M. MARINI, Anonimo tra la folla. Un vaso di Cafaggiolo agli Uffizi.
  • L. PESANTE, La Porcellana di Roma. Secoli XVI-XVII.
  • C. MENGANNA, “L’essercitio principale di quegli uomini è di far pignatte”. Primi risultati di una indagine su una produzione raffinata di terrecotte a Marsciano.
  • A. MAMMATO, N. ABATE, Le ceramiche medievali e moderne dai siti rurali dell’area di Erchie in Costiera Amalfitana.
  • F. LO REGIO, L’antica manifattura napoletana Stingo e Gio Ponti.
  • L. DI COSMO, Il pavimento maiolicato della cappella del Sacro Monte dei Morti a Solopaca (BN). Contributo alla conoscenza della produzione napoletana del tardo Seicento (XVII secolo).
  • L. LONARDO, “Et altri cittadini non debbiano buttare, nè far altre immunditie, et sterquilinii alcuni”. Il vasellame da mensa di XVI-XVII secolo proveniente dai butti urbani della vecchia Cerreto (BN).
  • V. VALENZANO, Le ceramiche d’importazione dagli scavi della cattedrale di Barletta.
  • F. AGRÒ, Un aggiornamento sulle protomaioliche prodotte e circolanti in Sicilia nel XIII secolo alla luce dei vecchi e nuovi dati archeologici.
  • C. ALEO NERO, Palermo. Nuovi dati sulle ceramiche tardo e postmedievali dai recenti scavi
  • S. FIORILLA, Ceramiche postmedievali dalle volte del convento del Carmine di Scicli (Ragusa).
  • E. D’AMICO, Alcune ceramiche invetriate di età normanna da Messina.
  • F. DEJOAS, Riflessioni sulle maioliche d’importazione spagnola del Castellazzo di Delia (CL).
  • M. F. PORCELLA, I. CARTA, Le riggiole della collezione Mariotti Governi a Cagliari.
  • M. F. PORCELLA, C. LECCA, ‘Azulejos’ iberici in Sardegna. Un bilancio sulle importazioni.
  • R. CARTA, Un butto di ceramiche medievali e post-medievali rinvenuto in un pozzo nella chiesa di S. Sepolcro, nel quartiere di Marina a Cagliari

DISCUSSIONE

Chiusura del L Convegno Internazionale della Ceramica
Scarica il programma in formato pdf.

Posted on

Sepolture di prestigio nel bacino Mediterraneo

Programma Convegno Pella 2017.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO
Convegno Internazionale di Studi
Casa Maria Ausiliatrice
Via Lungo Lago 64, Pella – NO
28-30 giugno 2017

Sepolture di prestigio nel bacino Mediterraneo (secoli IV-IX)

definizione | immagini | utilizzo

Comitato organizzatore

P. de Vingo – Università degli Studi di Torino
Y.A. Marano – Österreichische Akademie der Wissenschaften
J. Pinar Gil – Università degli Studi di Torino

Comitato scientifico

M. Beghelli Römisch-Germanisches Zentralmuseum
M. Braconi Università degli Studi Roma Tre
E. Cirelli Ludwig-Maximilians-Universität
P. de Vingo Università degli Studi di Torino
E. Droberjar Uniwersytet Opolski
D. Ferreri Università degli Studi di Bologna
V. Fiocchi Nicolai Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana
O. Heinrich-Tamáska Universität Leipzig
Y.A. Marano Österreichische Akademie der Wissenschaften
T. Milavec Univerza v Ljubljani
D. Paya Institut National de Recherches Archéologiques Préventives
J. Pinar Gil Università degli Studi di Torino
U. Volp Johannes Gutenberg-Universität
B. Ward Perkins University of Oxford

Mercoledì, 28 Giugno

9:00 ………… B. Nicolazzi Benvenuto del sindaco
9:10…………. P. de Vingo • Y. Marano • J. Pinar Gil Introduzione degli organizzatori

Sessione 1 prestigio e privilegio: la vita, il funerale, la tomba

Presidenza: M. KAZANSKI, E. POSSENTI
9:20…………. P.M. De Marchi – Civico Museo Archeologico di Arsago Seprio – Sepolture: la varietà dei privilegi in età longobarda
9:45…………. J. Pinar Gil – Università degli Studi di Torino – Inquadrare il prestigio: uno sguardo ai rapporti tra topografia, contenitori e corredi tombali nell’area mediterranea
10:10……….. G. Mangiameli – Università degli Studi di Bologna – Morte e prestigio: prospettive antropologiche
10:35……….. pausa caffè
11:00……….. C. Treffort – Université de Poitiers – Le privilège de l’écriture: les inscriptions funéraires comme éléments de distinction du défunt en Gaule au haut Moyen Age
11:25……….. G. Bellandi – Laboratorio OsteoArc, Z. Laffranchi – Universidad de Granada, A. Mazzucchi –
Laboratorio OsteoArc – Aspetti bioantropologici delle sepolture di elevato status sociale
11:50……….. P. Périn n- Musée d’Archéologie Nationale, V. Gallien – Institut National de Recherches Archéologiques Préventives – La tombe de la reine mérovingienne Arégonde (+ vers 580), épouse de Clotaire Ier (511-561) et mère de Chilpéric Ier (561-584)
12:15……….. A. Chavarría Arnau – Università degli Studi di Padova – Cimiteri altomedievali in Italia settentrionale: riflessioni intorno al concetto di sepoltura privilegiata
12:40……….. pausa pranzo

Sessione 2 materialità della tomba: aspetto, frequentazione, utilizzo

Presidenza: F. BARATTE, V. FIOCCHI NICOLAI
14:15……….. A. Rossi – ITT-LSA Ettore Molinari – Sepolture ad sanctos, culto dei defunti e “controllo” delle reliquie al tempo di Agostino
14:40……….. G. Faccani – Universität Zürich – Martigny et Genève: deux sièges épiscopaux de l’Antiquité tardive dans le contexte de leurs tombes précoces
15:05……….. M. Rotili – Università degli Studi della Campania – Alcune sepolture di prestigio da contesti meridionali
15:30……….. F. Abou Sekeh – Römisch-Germanisches Zentralmuseum – Les tombes des monastères syriens: humilité et/ou prestige?
15:55……….. pausa caffè
16:15……….. S. de Blaauw Radboud – Universiteit Nijmegen – A papal mausoleum in late-imperial Rome: Leo the Great in St. Peter’s
16:40……….. M.A. Utrero Agudo – Consejo Superior de Investigaciones Científicas – Late Antique and Early Medieval ecclesiastical architecture in Hispania: from stratigraphy to interpretation of its burials
17:05……….. E. Destefanis – Università degli Studi del Piemonte Orientale – La scultura funeraria altomedievale: uno sguardo archeologico su contesti, produzione e ideologia della morte
17:30……….. Aperitivo poster
19:30……….. Cena

Giovedì, 29 Giugno

Sessione 3 scenari: geografie, topografie, contesti

Presidenza: M. JURKOVIĆ, M. ROTILI
9:00…………. D. Nuzzo – Università degli Studi di Bari – Sepolture privilegiate nella città di Roma e nel suburbio tra tarda antichità e alto medioevo
9:25…………. M. Moliner – Ville de Marseille – Des sépultures privilégiées de l’Antiquité tardive à Marseille. À propos de certains caractères des découvertes archéologiques de l’abbaye Saint-Victor et de la rue Malaval
9:50…………. C. Ebanista – Università degli Studi del Molise – Le sepolture privilegiate a Napoli e Cimitile tra tarda antichità e medioevo
10:15……….. J. Sales Carbonell – Universitat de Barcelona – Power, privilege and prestige: the state of research in Late Antique Tarraconensis
10:40……….. pausa caffè
11:00……….. V.G. Rizzone – Studio Teologico San Paolo, A. Sammito – Soprintendenza Beni Culturali e
Archeologici di Ragusa – Sepolture privilegiate nei cimiteri paleocristiani di Sicilia e Malta
11:25……….. F. Baratte – Université Paris-Sorbonne IV – L’Afrique de la fin de l’Antiquité : sépultures privilégiées ou sépultures de prestige?
11:50……….. E. Micheletto – Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di
Alessandria, Asti e Cuneo – L’inumazione privilegiata in Piemonte: stato della ricerca
12:15……….. T. Vida – Eötvös Loránd Tudományegyetem – Prestige inhumation in Pannonia, between Mediterranean, Germanic and Steppe traditions
12:40 ………. pausa pranzo
14:15……….. Y.A. Marano – Österreichische Akademie der Wissenschaften – Strategie della memoria. Le sepolture privilegiate della Grecia protobizantina
14:40……….. E. Tzavella – Anoikto Panepistemio Kyprou – How to become visible: elite burials in Greece of the Byzantine ‘Dark-Age’ period (7th-9th centuries)
15:05……….. E. Nallbani – Centre National de la Recherche Scientifique, V. Gallien – Institut National de
Recherches Archéologiques Préventives – Inhumation et statut social privilégié dans l’ouest des Balkans au haut Moyen Age
15:30……….. M. Jurković – Sveučilište u Zagrebu, N. Jakšić – Sveučilište u Zadru – Alcune sepolture di prestigio in Istria e Dalmazia (VIII-IX secolo)
15:55……….. pausa caffè
16:15……….. M. Kazanski – Centre National de la Recherche Scientifique, A. Mastykova – Rossijskaja
Akademija Nauk – Les tombes privilégiées de l’époque des Grandes Migrations dans la région nordpontique
et leurs parallèles méditerranéens
16:40……….. E. Possenti – Università degli Studi di Trento – Sepolture privilegiate in Italia nord-orientale tra V e VII secolo. Caratteri generali e particolarità locali
17:05……….. P. de Vingo – Università degli Studi di Torino – Pianificare il riposo eterno in Italia settentrionale tra X e XI secolo. Continuità e discontinuità delle tradizioni funerarie aristocratiche altomedievali
17:30……….. Aperitivo poster
19:30……….. Cena

Venerdì, 30 Giugno

Sessione 4 archeologia del lago d’Orta all’aria aperta

9:45…………. F. Garanzini – Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Biella,
Novara, Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli – Topografia antica e medievale del lago d’Orta (1)
10:00……….. Visita in battello all’Isola di San Giulio
10:15……….. F. Garanzini – Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Biella,
Novara, Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli – Topografia antica e medievale del lago d’Orta (2)
10:30……….. F. Garanzini • S. Caldano Visita alla basilica di San Giulio
11:30……….. Visita in battello a Orta San Giulio
11:45……….. G. Angeleri Benvenuto del sindaco a Orta San Giulio
11:55……….. A. Marzi Visita all’Orta medievale
13:00……….. Pranzo
16:00……….. Passeggiata al Sacro Monte di Orta

Poster

1. M. Bernardi • L. Curatella Università degli Studi Roma Tre Templum Pacis: la necropoli medievale del vicus ad Carinas
2. A. Bertani Ricercatore indipendente • S. Caldano Università degli Studi di Pavia • A. Del Duca Ecomuseo Cusius – Il territorio cusiano tra età paleocristiana e alto medioevo
3. N. Busino Università degli Studi della Campania Un sarcofago paleocristiano dal territorio capuano
4. J. Casas • J.M. Nolla, M. Prat • Universitat de Girona Santa Magdalena, un mausoleo privilegiato
5. D. Cascianelli Ricercatore indipendente Tra cursus vitae e devozione: l’autorappresentazione dell’élite
teodosiana nei sarcofagi ‘a porte di città’
6. A. Costantini Ricercatore indipendente Individui di origine straniera nelle necropoli tardoantiche in Toscana
7. C. Cumbo Ricercatrice indipendente Al fianco dei santi: un percorso privilegiato verso l’aldilà
8. E. Droberjar Uniwersytet Opolski • H. Knápek Univerzita Hradec Králové The rich graves of Elbe-Germanic type and their connections with the Mediterranean area (3rd-5th century AD)
9. G. Ferri Università degli Studi Roma Tre Il vescovo Ottato di Vescera in San Callisto. Sulle tracce di una perduta sepoltura di prestigio
10. A. Frondoni Università degli Studi di Genova • P. de Vingo Università degli Studi di Torino • F. Geltrudini Regio IX Liguria Archeologia Tombe privilegiate altomedievali nel complesso di culto di S.Paragorio di Noli (Savona): nuovi dati dallo scavo del settore esterno al fonte battesimale
11. D. Gandolfi • L. Ansaldo • V. Pettirossi • C. Ferrrari Istituto Internazionale di Studi Liguri Sarcofagi in pietra dal sepolcreto tardoantico della Porta Nord di Albintimilium (Ventimiglia, Imperia, Liguria)
12. O. Larentis • C. Pangrazzi Università degli Studi di Trento Archeologia, antropologia e isotopi. Le sepolture di San Martino di Lundo (TN)
13. J.A. Lecanda Universidad de Deusto Tumbas privilegiadas en el alto valle del Ebro: del Ducado de Cantabria al Condado de Castilla
14. M. Licata Università degli Studi dell’Insubria • R. Mella Pariano Archeo Studi Bergamo • G. Armocida Università dell’Insubria La tomba numero 2 della chiesa di S. Michele a Mornago: indagine archeologica e antropologica
15. C. Mengarelli • F. Lezzi Ricercatori indipendenti Sepolture tardoantiche ed altomedievali dalla villa dei Bruttii Praesentes presso S. Maria de Viconovo (Rieti)
16. G. Mastronuzzi Università del Salento Martyrium e cimitero di Vaste (Puglia meridionale)
17. V. Mora Università degli Studi di Trento La chiesa cimiteriale di Castel Drena (TN): un combattente privilegiato?
18. T. Penn University of Edinburgh Beyond the grave: understanding late antique prestige burials in the Roman suburbium through their local context
19. L. Quattrocchi Universidad Carlos III Una possibile sepoltura privilegiata nella basilica di Uppenna (Tunisia)
20. A.V. Ribera Ajuntament de València El sepulcro del gran mártir Vicente y del obispo Justiniano en Valencia
21. E. Romanò • F. Susini Università degli Studi di Pisa Potentia duxorum nelle sepolture longobarde di Pavia, Lucca e Benevento tra tradizione germanica e contaminazioni multi etniche.
22. M. Stefani Ricercatrice indipendente La singolare tomba a camera dell’area archeologica del Sepolcro degli
Scipioni
23. U. Tota Universiteti i Tiranës Une riche sépulture médiévale au sein de structures d’habitat: la tombe 321 de Komani (Albanie). Approche archéologique et anthropologique

Programma Convegno Pella 2017, scarica in formato pdf.

Posted on

STORIE (di) CERAMICHE 4

Storie [di] ceramiche 4.

“Ceramica e Archeometria”

In ricordo di Graziella Berti a quattro anni dalla scomparsa

Pisa, 10 Giugno 2017, Gipsoteca di Arte Antica, piazza S. Paolo all’Orto n. 20 – ore 15:30

​Anche quest’anno, a quattro anni dalla sua scomparsa, si vuole ricordare Graziella Berti, figura di rilievo negli studi storici su Pisa ed il Mediterraneo e tra le massime esperte italiane di ceramica medievale e della prima età moderna, attraverso le ricerche di alcuni studiosi che offrono nuovi apporti su linee d’indagine tradizionali.

La Giornata di Studi di quest’anno sarà dedicata all’applicazione dei metodi archeometrici per gli studi ceramologici, sistemi attraverso i quali poter comprenderne in maniera maggiormente approfondita aspetti tecnologici e di utilizzo e per poter trarre informazioni utili a rispondere a interrogativi storico-archeologici.

L’archeometria è sempre stato un argomento per il quale Graziella Berti ha sempre dimostrato una forte sensibilità, comprendendone il grande potenziale e collaborando molte volte con Tiziano Mannoni e Claudio Capelli proprio su queste tematiche.

Durante l’incontro diversi studiosi presenteranno i dati che giungono da nuove ricerche su questo tema nel Mediterraneo Occidentale in un’ampia cronologia che dal Medioevo spazierà sino all’Età Moderna.

Nella prima parte del pomeriggio verranno presentati i casi studio di alcune ricerche di respiro europeo che mostreranno i risultati e le potenzialità di differenti studi archeometrici applicati alla ceramica. A seguire, invece, verrà fornito un focus sulla produzione cinquecentesca di ceramica a Pisa attraverso il confronto tra dati differenti proventi dalle analisi petrografiche, dalle ceramiche rinvenute in scavo e dallo studio dei documenti d’archivio. Infine, verrà presentato lo studio di un giovane ricercatore, risultato migliore attraverso una call for papers aperta a studiosi non strutturati under 40.

Uno spazio finale dedicato al dibattito offrirà un momento di confronto ulteriore al fine di approfondire quanto discusso e di creare le basi per future ricerche.

La Giornata si concluderà con la presentazione degli Atti della scorsa edizione.

Programma della giornata:

  • Saluti introduttivi di Gabriella Garzella (Società Storica Pisana) e Rita Lavagna (Centro Ligure per la Storia della Ceramica)
  • Alessandra Pecci (Equip de Recerca Arqueològica i Arqueomètrica de la Universitat de Barcelona (ERAAUB), Analisi dei residui organici nelle ceramiche: contenuti, rivestimenti, uso e funzione
  • Francesca Grassi (Ricercatrice Marie Curie, Università dei Paesi Baschi – UPV/EHU), L’archeometria come tecnica analitica per lo studio della ceramica: prospettive per il futuro
  • Arianna Briano (Dottoranda, Università di Siena), Indagini archeometriche preliminari sulle invetriate in monocottura dal Castello di Donoratico (LI)
  • Marcella Giorgio (Funzionaria archeologa Mibact – Polo Museale della Sardegna), L’approvvigionamento di argilla a Pisa nel Cinquecento: analisi, dati materiali e documentali a confronto.
    Dibattito

Ore 18:00: Presentazione degli Atti della III Giornata di Studi “Storie (di) Ceramiche 3. Importazioni Mediterranee” a cura di Gabriella Garzella (Società Storica Pisana)

Moderazione del dibattito a cura di Vincenzo Palleschi (Ricercatore CNR e Docente di Archeometria, Università di Pisa) e Monica Baldassarri (Direttrice del Museo Civico di Montopoli in Val d’Arno – contrattista dell’Università di Pisa).

Organizzazione a cura di Marcella Giorgio

Con il patrocinio di:

  • Association Internationale pour l’Etude des Céramiques Médiévales et Modernes en Méditerranée (AIECM3)
  • Associazione Nazionale Archeologi (ANA)
  • Archeoclub sede di Pisa
  • Centro Ligure per la Storia della Ceramica
  • Società degli Archeologi Medievisti Italiani (SAMI)
  • Società Storica Pisana

Per informazioni aggiornate potete seguire l’evento Facebook dedicato: clicca qui.

Dott.sa Marcella GIORGIO
Redazione “Storie (di) ceramiche”
Giornata di studi in memoria di Graziella Berti

Posted on

I Longobardi in Italia

TourismA – Firenze, Palazzo dei Congressi

A cura di Associazione Italia Langobardorum
Coordina Cinzia Dal Maso archeologa e giornalista

Sabato 18 febbraio 2017
Auditorium ore 9:00 – 13:30

I Longobardi in Italia

Programma Completo

Coordina Cinzia Dal Maso archeologa e giornalista

  • 9:00 Saluti istituzionali  – Piero Pruneti, direttore Archeologia Viva e “tourismA”  – Stefano Balloch, presidente Associazione Italia Langobardorum, Sindaco di Cividale del Friuli
  • 9:30 – Franco Cardini, professore emerito di Storia medievale alla Scuola Normale Superiore, «I Longobardi: distruttori di civiltà o protagonisti della storia d’Italia?»
  • 10:00 – Gianpietro Brogiolo, ordinario di Archeologia medievale all’Università di Padova, «Ultime notizie dal fronte (archeologico)»
  • 10:30 Pausa
  • 11:00 PREMIO “RICCARDO FRANCOVICH” – Riconoscimento speciale della SAMI – Società degli Archeologi Medievisti Italiani
    Intervengono:
    Piero Angela, conduttore televisivo e scrittore (premio speciale per la divulgazione)
    Dario Franceschini, ministro Beni e Attività Culturali e Turismo
    Giuliano Volpe, presidente Consiglio Superiore Beni Culturali e Paesaggistici
    Premiazione dei siti:
    Catacombe di S. Gennaro/S. Gaudioso a Napoli
    Basilica di S. Maria a Siponto (Manfredonia – Fg)
  • 12:00 – Marco Valenti, docente di Archeologia medievale all’Università di Siena, «L’altomedioevo oggi. Il caso Poggibonsi (Si): un’esperienza di valorizzazione e di archeologia pubblica»
  • 12:30 Tavola rotonda – «Popoli in viaggio ieri e oggi» – Angela Maria Ferroni, segretariato generale MiBACT e membro Associazione Italia Langobardorum – Tommaso Cerno, direttore de L’Espresso

Ingresso libero e gratuito

Posted on

Dalla Valdelsa al Conero

Dalla Valdelsa al Conero.

Dalla Valdelsa al Conero.Si svolgerà nei giorni 27, 28 e 29 novembre 2015 il convegno “Dalla Valdelsa al Conero. Studi di archeologia e topografia storica in ricordo di Giuliano de Marinis” a Colle di Val d’Elsa, San Gimignano e Poggibonsi. Il convegno, promosso da Soprintendenza Archeologia della Toscana, Soprintendenza Archeologia delle Marche, Comuni di Colle di Val d’Elsa, Poggibonsi, San Gimignano, Storica Società della Valdelsa con il contributo di Regione Toscana e Fondazione Musei Senesi, vuole essere un omaggio alla figura dell’archeologo G. de Marinis, scomparso 3 anni fa.

De Marinis, funzionario archeologo della allora Soprintendenza Archeologica della Toscana e in seguito Soprintendente per i Beni Archeologici delle Marche, è stato fin dalla metà degli anni ’70 del secolo scorso una figura rilevante nel panorama della tutela e della ricerca archeologica italiana. I suoi molteplici interessi per i più diversi ambiti di ricerca dell’antico lo hanno portato, nel corso della sua carriera, ad affrontare svariati temi: i suoi esordi hanno riguardato lo studio della topografia storica della Valdelsa; in seguito, le problematiche dell’archeologia urbana e le ricerche territoriali nell’agro fiorentino hanno caratterizzato gli anni di lavoro in Toscana, fino al suo impegno nelle Marche come Soprintendente, incarico ricoperto per 17 anni dal 1995. Il suo nome resterà indissolubilmente legato ai temi della tutela e alla storia del Centro di Restauro della Soprintendenza Archeologica della Toscana, del quale ha ricoperto la carica di vice-direttore prima e direttore poi.

Il convegno consisterà in tre giorni di relazioni e dibattiti, incentrati su quattro tematiche (suddivise in VII sessioni) che ripercorrono gli interessi e gli ambiti disciplinari cari a de Marinis: una sezione topografica sulla Valdelsa, una parte rivolta alle ricerche a Firenze e nell’ager Faesulanus, una all’archeologia delle Marche, e infine, una dedicata alla tutela e all’archeologia urbana, con particolare attenzione alle problematiche legate al restauro.

Saremo presenti con i nostri volumi nella giornata del 29 novembre, presso il centro Accabì a Poggibonsi (ex opsedale), in via Carducci 1 (parcheggio su via Manzoni sul retro della struttura).

Scarica il programma dettagliato in formato pdf.

Posted on

Memoria e culto attraverso il Medioevo

convegno-bobbio-2015L’eredità di San Colombano. Memoria e culto attraverso il Medioevo.

Convegno Internazionale

Bobbio, 21-22 novembre 2015

Download del programma in formato pdf: convegno-bobbio-2015

Si ricorda che per la partecipazione è necessaria l’iscrizione (http://diana.lett.unipmn.it/bacheca/bobbio/default.html), entro il 31 ottobre p.v. Per tutte le informazioni pratiche: sancolombano2015@gmail.com.