Geografia del postumano. Linguaggio e Separazione

14,00

Autore: Giancarlo Macchi Jánica
Anno di stampa: 2019
ISBN: 9788878149359
e-ISBN: 9788878149366

eBook

Carta

Descrizione

Comunemente la realtà terrestre viene concepita come un contenitore di oggetti. Il linguaggio e la classificazione rappresentano un riflesso istintivo di questo processo di separazione. Ma, oltre alla suddivisione in atomi, parti o individui, esiste anche la possibilità di interpretare la realtà come unità. Essa assume l’aspetto di un vasto tessuto di relazioni sostanzialmente non scomponibile. Che implicazioni ci sono a livello scientifico se – al di là di ciò che suggeriscono il linguaggio e la capacità discriminatoria della mente – si giunge a contemplare una trama composta esclusivamente da relazioni e non più da oggetti? Può la specie umana essere considerata non separabile dall’ecosistema terrestre? Può un paradigma basato sulla reciprocità di rapporti essere applicato alla comprensione della società dalle sue origini fino alle più recenti fasi della civiltà tecnologica?

Sommario
  • Presentazione, di Claudio Greppi
  • Avvertenza

I. Osservare

  • «Che cosa è la geografia?»
  • Tesi
  • Realtà terrestre
  • Relazioni
  • Legami e ramificazioni
  • Uomo e ambiente

II. Occupare

  • Etichette
  • Adattare e crescere
  • Hockeysticks
  • Misurare un organismo
  • Caratteristiche distributive

III. Abitare

  • Specializzazione
  • Comunicare
  • La nascita delle città
  • Dimensione urbana e rurale

IV. Separare

  • Retroazione
  • Confini naturali

V. Nutrire

  • Ecosistema, dieta, specie
  • In polvere ritornerai
  • Rivoluzioni verdi

VI. Deterritorializzare

  • Post-umanità
  • Mode
  • Scomparsa dei confini?
  • Modelli
  • Viaggiare
  • Nella fila del supermercato

Epilogo

Riferimenti

Informazioni aggiuntive

Peso0.174 kg
Dimensioni15 × 21 × 0.8 cm
Numero e serie

,

Luogo di stampa

Anno di stampa

Pagine

Tipologia

Illustrazioni

Legatura

ISSN

ISBN

e-ISBN

Lingua