La pietra ollare nelle Alpi. Coltivazione e utilizzo nelle zone di provenienza

52,00

Autore: Roberto Fatoni (a cura di), Riccardo Cerri (a cura di), Paolo de Vingo (a cura di)
Anno di stampa: 2018
ISBN: 9788878148819
e-ISBN: 9788878148826

eBook

Carta

Descrizione

La Pietra ollare, vero tesoro localizzato su tutto il settore alpino europeo è il tema centrale di questo volume che raccoglie i risultati degli studi compiuti nei territori alpini e padani della penisola italiana (aree piemontesi, valdostane, lombarde, emiliane) e transalpini (Svizzera meridionale - vallese) in cui sono stati individuati manufatti e ambiti di estrazione di questo particolare tipo di roccia metamorfica con alta potenzialità termica – da sempre importante nella vita quotidiana delle popolazioni dei due versanti alpini – contraddistinto da quattro caratteristiche principali, ossia facile lavorabilità, riscaldamento rapido, mantenimento della temperatura costante e capacità di lenta restituzione del calore accumulato. La lavorazione iniziava in quota estraendo blocchi di pietra nei luoghi di affioramento. Il trasporto a quote inferiori era difficile e faticoso, per il peso e la mole del materiale, le distanze ed i dislivelli da superare. Questo tipo di pietra, lavorato al tornio per realizzare recipienti funzionali alla cottura e alla conservazione degli alimenti, era identificata nel mondo romano con il vocabolo ollae ed in ambito locale laveggi-lavezzi. Specialmente nei secoli postmedievali i blocchi che non si prestavano alla tornitura venivano modellati con strumenti da taglio e percussione (martello, scalpello, lima) per produrre una infinità di oggetti della vita quotidiana (macine, lavelli, vasi, davanzali, portali, fontane, camini, pigne o stufe, acquasantiere, balaustre, colonne, rocchi torniti, condutture di scarico, pavimenti, rivestimenti). Nel corso del 1700 e del 1800 è addirittura documentata la realizzazione di tazze per cioccolata e caffè, bicchieri e tabacchiere. La pietra ollare è quindi una materia prima riconosciuta in una tradizione produttiva millenaria – già Plinio il Vecchio la ricorda nella Naturalis historia con riferimento esplicito alla sua estrazione in Valtellina – ma presente pressocchè ininterrottamente in tutte le epoche storiche, unendo e non dividendo, popolazioni con tradizioni culturali diverse e dislocate lungo tutto il settore alpino.
Il volume pubblica in modo integrale gli Atti di tre incontri di studio organizzati con lo scopo di presentare la differenziazione funzionale della pietra ollare, non solo per una sua componente archeologica, legata al riconoscimento di reperti e manufatti di questo tipo in molti cantieri di scavo, ma anche per dimostrare la sua straordinaria duttilità in tanti aspetti della vita quotidiana delle comunità del passato e del presente. Inoltre questo libro rappresenta, per lo scrivente, uno step professionale importante e significativo poichè è il primo volume della serie «Atti di Convegni», inseriti in un nuovo progetto editoriale, appena inaugurato, con le Edizioni fiorentine All’Insegna Del Giglio, in grado di rappresentare in una veste grafica di alta qualità, un interessante ambito di ricerca e di approfondimento rispetto ad una disciplina, l’Archeologia Cristiana e Medievale, che nell’ateneo torinese vanta una lunga e consolidata tradizione di studi.
Sono molto grato alla signora Maria Adriana Culacciati, principale sostenitrice economica di questa pubblicazione, agli altri due curatori del volume, Roberto Fantoni e Riccardo Cerri, per il paziente lavoro di raccolta dei testi e per lo svolgimento di un processo di editing lungo, laborioso ma molto accurato, al Club Alpino Italiano (CAI – Sezione di Varallo) per averci sostenuto ed aiutato nel corso delle tre giornate di studio (Carcoforo, Varallo, Ossola). Aggiungo quindi, un invito alle eventuali sezioni del CAI interessate a continuare e potenziare questa collaborazione con il Dipartimento di Studi Storici – UniTO sulla base di progetti scientifici condivisi. Spero infine che il volume possa rappresentare per tutti, addetti e non addetti ai lavori, un nuovo modo ed uno stimolo per percorrere tutte le vallate alpine, con una prospettiva diversa, per incontrare ed ammirare in situ una delle sue risorse ‘storiche’ più antiche e più importanti.

Paolo de Vingo

Sommario
    • Presentazione, di Paolo Erba
    • Introduzione, di Paolo de Vingo
    • La pietra ollare nelle Alpi, di Roberto Fantoni, Riccardo Cerri e Paolo de Vingo

Il caldo senza fumo. Le stufe in pietre verdi in Valsesia

  • Il caldo senza fumo. Le stufe in pietre verdi in Valsesia, di Roberto Fantoni
  • Le stufe in pietre verdi di Riva e Alagna, di Elisa Farinetti e Attilio Ferla
  • Le stufe in pietre verdi di Rima, di Sergio Camerlenghi
  • Le stufe in pietre verdi di Carcoforo, di Johnny Ragozzi

La pietra ollare nelle Alpi. Coltivazione e utilizzo nelle zone di provenienza

Valli di Lanzo

  • Uso delle georisorse in media e alta Val di Viù nel Medioevo: una proposta metodologica per la caratterizzazione petrografica della pietra ollare, di Maria Pia Riccardi, Gisella Rebay, Michela Cantù, Serena Chiara Tarantino, Anna Gattiglia, Maurizio Rossi, Laura Vaschetti e Paolo de Vingo
  • Uso delle georisorse in media e alta Val di Viù nel Medioevo: la pietra ollare nel suo contesto, di Anna Gattiglia, Maurizio Rossi e Paolo de Vingo, con la collaborazione di Gianfranco Fioraso e Piergiorgio Rossetti
  • Le cave di pietra ollare: questioni aperte. Considerazioni a margine delle ricerche nella Val di Viù (TO), di Laura Vaschetti
  • Vallese
  • Le patrimoine culturelle de la pierre ollaire du Valais, di Hans-Rudolf  Pfeifer

Val d’Aosta

  • Cave e laboratori di pietra ollare della Valle d’Aosta, di Paolo Castello
  • Studio minero-petrografico di reperti archeologici in pietra ollare del sito di Saint Martin de Corléans (AO), di Veronica Da Pra, Alessandro Borghi, Lorenzo Appolonia e Patrizia Framarin
  • Le cave di pietre da macina in cloritoscisto granatifero della Valle d’Aosta,  di Paolo Castello
  • Coltivazione, utilizzo e mercato delle pietre da macina in cloritoscisto granatifero di località Servette a Saint-Marcel (AO), di Mauro Cortelazzo
  • Le stufe in pietra di ‘lavet’ della Valle d’Aosta, di Claudine Remacle

Valsesia

  • La pietra ollare in Valsesia, di Roberto Fantoni ed Emilio Stainer

Val d’Ossola

  • Archeologia della pietra ollare nel Verbano Cusio Ossola. Aree estrattive,  segni di lavorazione, manufatti, di Elena Poletti Ecclesia e Gabriella Tassinari
  • Der Òòfe: il fornetto in pietra ollare di Macugnaga, di Cecilia Marone

Centovalli e Val Maggia

  • La pietra ollare nelle Centovalli e Terre di Pedemonte (Cantone Ticino, Svizzera), di Fabio Girlanda e Hans-Rudolf Pfeifer
  • Due balaustre “in sasso di Guglia”. Appunti sull’utilizzazione della pietra ollare negli edifici sacri della Valmaggia, di Flavio Zappa

Val Chiavenna, Val Bregaglia e Valtellina

  • La pietra ollare in Valmalenco. Caratteristiche geologiche e minerarie,  di Alessandro Cavallo e Sergio Guerra
  • Le antiche cave di pietra ollare in Valchiavenna e Bregaglia, di Sergio Castelletti
  • La pietra ollare in Valtellina. Produzioni e diffusione, di Angela Guglielmetti
  • La pietra ollare in Valchiavenna, di Guido Scaramellini
  • Scambi di competenze e commercio di Laveggi tra Val Malenco e Val Bregaglia  nel secolo XVI. Prime ricerche e ipotesi, di Saveria Masa

Dalle Alpi alla Pianura Padana

  • Pietra ollare al Museo di Como, di Isabella Nobile De Agostini
  • Manufatti in pietra ollare di provenienza alpina a sud della Pianura Padana:  evidenze da siti archeologici dell’Italia centrale dal IV al XV secolo,  di Patrizia Santi, Maria Pia Riccardi, Alberto Renzulli

Guida all’escursione a Mergozzo e Malesco (Val d’Ossola, VCO)

  • Viaggio nella pietra ollare ossolana dai luoghi di consumo ai luoghi di produzione, di Elena Poletti Ecclesia e Laura Minacci

Informazioni aggiuntive

Peso1.156 kg
Dimensioni21 × 29 × 1.5 cm
Autore

Luogo di stampa

Anno di stampa

Tipologia

Pagine

Illustrazioni

Legatura

ISSN

ISBN

e-ISBN

Lingua