Gortina VII. Città e territorio dal protogeometrico all’età classica

60,00

Autore: Rosario Maria Anzalone
Anno di stampa: 2015
ISBN: 9789609559058

volume momentaneamente esaurito, inviare una email per le richieste di acquisto

Esaurito

Descrizione

Sommario

INDICE
PREMESSA

I. GORTINA E LA MESSARÀ: STORIA DELLE RICERCHE SUL TERRITORIO

  • I.1 VIAGGIATORI, ESPLORATORI, PIONIERI
  • I.2 THE CRETAN EXPEDITlON
  • I.3 DALLA SOUTH ROAD AGLI STUDI RECENTI

II. CENNI SULLA GEOMORFOLOGIA DEL DISTRETTO DELLA MESSARÀ
III. ALL’ALBA DELLA CITTÀ: PROFILO ARCHEOLOGICO DI GORTINA PROTOARCAICA

  • III. I SPAZI PER I VIVI
  • III .2 SPAZI PER I MORTI
  • III.3 LUOGHI PER PREGARE
  • III .4 LUOGHI PER LAVORARE
  • III.5 VERSO LA POLIS: SGUARDO D’INSIEME AL PALJNSESTO INSEDIATIVO

IV. DIFESA E ACCESSIBILITÀ: GLI ABITATI DI CRETA CENTROMERIDIONALE ALL’INIZIO DEL I MILLENNIO A.C.

  • IV. I GLI ASTEROUSIA E LA COSTA DEL MARE LIBICO
  • IV.2 I BACINI DELL’ ANAPODARIS E DELLO GHEROPOTAMOS
  • IV.3 IL DISTRETTO PEDEMONTANO DELLO PSILORITIS
  • IV.4 A NAMESA STA ORI: CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TOPOGRAFIA INSEDIATIVA
  • V. TRA INDIVIDUO E SOCIETÀ: CULTURA FUNERARIA DI CRETA CENTRO-MERIDIONALE NELLA PRIMA ETÀ DEL FERRO
  • V.1 NECROPOLI AFFERENTI A INSEDIAMENTI NOTI
  • V.2 SEPOLTURE NON RICONDUCIBILI AD ABITATI
  • V.3 MONUMENTI FUNERARI E QUESTIONI TOPOGRAFICHE
  • II.4 DEFINIZIONE DELLE FASI MONUMENTALI
  • II.4.a Fase I
  • II.4.b Fase II
  • II.4.c Fase III
  • II.4.d Fase IV
  • II.4.e Interventi successivi alla fase IV
  • II.5 PROPOSTA DI CRONOLOGIA PER LE FASI MONUMENTALI
  • II.5.a Fase I
  • II.5.b Fase II
  • II.5.c Fase II a
  • II.5.d Fase III
  • Il.5.e Q. Fulvius Tuscus
  • II.5.f Fase IV
  • II.5.g Restauri successivi alla fase IV
  • II.5.h Conclusione: cronologia delle fasi monumentali
  • II.6 PROPOSTA DI RICOSTRUZIONE
  • II.6.a Le premesse
  • II.6.b La ricostruzione di età ellenistica
  • II.6.c La ricostruzione romana
  • II.6.d I restauri severiani

III. LA VITA DEL SANTUARIO 

  • III.1 FUNZIONARI ED AMMINISTRAZIONE
  • III.1.a I Kosmoi
  • III. 1 .b Lo Hiarorgos
  • III. 1.c I Nakoroi
  • III. 1 .d Le relazioni tra i funzionari
  • III. 1.e I medici
  • III. 2 DEDICHE E DEDICANTI
  • III.2.a Le Sanationes
  • III.2.b Le altre dediche
  • III.2.c La funzione delle dediche
  • III.2.d I dedicanti

IV. PER UNA STORIA DEL CULTO DI ASCLEPIO A LEBENA 

  • IV.I LEBENA: PORTO E SANTUARIO
  • IV. I .a Lebena: τόν λιμένα (…) τών Τϱτυνίων (Poi. 55.6)
  • IV. l. b Lebenaion: hieron (Suda, s. v.)
  • IV. 2 LE PREESISTENZE CULTUALI
  • IV.2.a La dedica al dio
  • IV.2.b Acheloo, le Ninfe e Hermes
  • IV. 3 LA FONDAZIONE DEL CULTO DI ASCLEPIO
  • IV.3.a Pausania e l’origine cirenaica
  • IV.3.b La fondazione di Theon e la diffusione del culto di Asclepio a Creta
  • IV. 4 L’ ASKLEPIEION DI LEBENA E LA MESSARÀ DI ETÀ ELLENISTICA
  • IV.4.a Il III sec. a.C.: tra Alessandria ed Epidauro
  • IV.4.b Lebena e i ribelli gortinii (221-216 a.C.)
  • IV.4.c Il culto di stato: I’ Asklepieion tardo-ellenistico nel contesto del territorio gortinio
  • IV. 5 IL CULTO DI ASCLEPIO IN ETÀ ROMANA
  • IV.5.a Oltre Gortyna: la fine del culto di stato
  • IV.5.b L’ipotesi traianea
  • IV.5.c Lo sviluppo di età antonina
  • IV.5.d Le ultime fasi del culto

CONCLUSIONI
APPENDICI

  • Appendice I: Fonti epigrafiche
  • Indice delle fonti epigrafiche
  • Appendice II: Fonti letterarie
  • Appendice III: Catalogo degli elementi architettonici
  • Appendice IV: A. Taramelli, Note sulla topografia di Lebena (Creta)

BIBLIOGRAFIA
FONTI DELLE ILLUSTRAZIONI
TAVOLE

Informazioni aggiuntive

Peso1.442 kg
Dimensioni31 × 21 × 2.2 cm
Editore

Autore

Numero e serie

22, Monografie della Scuola Archeologica di Atene e delle Missioni Italiane in Oriente

ISBN

ISSN

Luogo di stampa

Roma – Atene

Anno di stampa

Pagine

324

Illustrazioni

illustrazioni in bianconero

Legatura

brossura

Lingua

con riassunto in inglese, italiano

Tipologia

Libro