Archeologia dei beni pubblici. Alle origini della crescita economica in una regione mediterranea (secc. IX-XI)

60,00

Autore: Giovanna Bianchi
Anno di stampa: 2022
ISBN: 9788892851184
e-ISBN: 9788892851191

Descrizione

Oltre quaranta anni di ricerche nella Maremma toscana, uno dei territori meglio indagati archeologicamente a livello europeo; un progetto ERC-Advanced, nEU-Med, che ha consentito di rileggere vecchi dati e produrne di nuovi grazie ad un’intensa ricerca multidisciplinare; un tema, i beni pubblici, in questi anni al centro dell’interesse degli storici delle fonti documentarie, qui declinato attraverso il dato materiale. Sono queste le basi di partenza del volume, nel quale i risultati acquisiti dalla ricerca degli ultimi anni all’interno di un’area eletta a caso studio, sono stati innestati su quelli elaborati nei decenni precedenti, con l’obiettivo di individuare i markers materiali dei beni regi e capirne la loro formazione e gestione tra IX ed XI secolo. I risultati della ricerca interpretati in una nuova prospettiva concorrono ad individuare una possibile chiave di lettura delle realtà storiche di questa area toscana, capace di generare risposte agganciate a più ampie tematiche: il ruolo del publicum in rapporto alle aristocrazie e alle comunità locali; le trasformazioni dei paesaggi antropici e naturali; la peculiarità di produzioni e scambi; i tempi e i modi dell’incastellamento; la crescita economica delle campagne prima del grande balzo in avanti del XII secolo.

Sommario

Introduzione

I. La Val di Pecora e la corte regia di Valli

  • I.1 Cronistoria della ricerca
  • I.2 Il sito di Vetricella e la pianura tra VIII e prima metà X secolo
  • I.3 I cambiamenti tra seconda metà X e prima metà XI secolo
  • I.4 Defunzionalizzazioni e abbandoni
  • I.5 Ricostruire l’assetto geografico ed economico di una corte regia
  • I.6 Per riassumere

 II. La Val di Cornia e la corte regia del Cornino

  • II.1 Storia di una corte apparentemente invisibile
  • II.2 L’organizzazione della corte e la successiva destrutturazione
  • II.3 Altri possessi pubblici: il Gualdo del Re e le aree interne
  • II.4 Per riassumere

III. L’area grossetana

  • III.1 La formazione dei nuovi paesaggi (secc. VII-IX)
  • III.2 Tra X e XI secolo
  • III.3 Terre pubbliche in nuovi (possibili) scenari storici
  • III.4 Per riassumere

IV. I poli religiosi dell’interno

  • IV.1 La corte regia e il monastero di San Salvatore al Monte Amiata
  • IV.1.1 Il monastero: dalla fondazione all’età ottoniana
  • IV.1.2 Le risorse minerarie
  • IV.1.3 Vecchi e nuovi protagonisti di un rinnovato sistema economico
  • IV.1.4 I paesaggi antropici
  • IV.1.5 Qualche traccia per delle ipotesi
  • IV.2 La corte regia e il monastero di S. Antimo in Val di Starcia
  • IV.2.1 La storia del monastero
  • IV.2.2 Le sequenze delle architetture
  • IV.3 La Chiesa della Canonica di S. Niccolò a Montieri
  • IV.3.1 L’ideazione di un luogo di culto
  • IV.3.2 Una chiesa, un gioiello, un possibile eremita
  • IV.3.3 Committenze
  • IV.4 Per riassumere

V. Un mondo a parte? Le aree minerarie

  • V.1 Rocchette Pannocchieschi
  • V.2 Cugnano
  • V.3 Montieri
  • V.4 Rocca San Silvestro
  • V.5 Isola d’Elba
  • V.6 Per riassumere

VI. Ricostruire la complessità del caso studio

  • VI.1 Attori in azione
  • VI.2 Paesaggi
  • VI.2.1 Paesaggi antropici
  • VI.2.2 Paesaggi agrari e forestali
  • VI.3 Produzioni e circuiti di distribuzione
  • VI.3.1 Risorse e comprensori produttivi
  • VI.3.2 Reti di scambio
  • VI.4 Tempi e ritmi dei cambiamenti

VII. Comparazioni

  • VII.1 Toscana
  • VII.1.1 Valdarno
  • VII.1.2 Lunigiana
  • VII.2 Area Padana

VIII. Alle origini della crescita economica

  • VIII.1 Premessa
  • VIII.2 Una prima accelerazione (IX-metà X secolo)
  • VIII.3 L’inizio della crescita (seconda metà X- prima metà XI secolo)
  • VIII.4 Quale sistema economico
  • VIII.5 Rallentare per poi ripartire (seconda metà XI-inizi XII secolo)

Bibliografia

Informazioni aggiuntive

Peso1,000 kg
Dimensioni29 × 21 × 1,4 cm
Autore

Numero e serie

35, Biblioteca di Archeologia Medievale

Luogo di stampa

Sesto Fiorentino (FI)

Anno di stampa

Tipologia

Libro

Pagine

256

Illustrazioni

illustrazioni in bianconero e colore

Legatura

brossura

ISSN

ISBN

e-ISBN

Lingua

italiano

Open Access

Licenza Creative CommonsQuest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.