Storie [di] Ceramiche 8. Fonti scritte e iconografiche

32,00

Autore: Marcella Giorgio (a cura di)
Anno di stampa: 2022
ISBN: 9788892851108
e-ISBN: 9788892851115

Descrizione

Atti della Giornata di Studi  in ricordo di Graziella Berti,  a otto anni dalla scomparsa.

11 Giugno 2021 – Meeting virtuale in diretta streaming

“Storie (di) Ceramiche” è una giornata di studi dedicata alla memoria di Graziella Berti, studiosa di ceramica e figura importante per gli studi storici sulla Pisa medievale e moderna, venuta a mancare l’11 Giugno del 2013. Questa occasione, giunta alla sua ottava edizione, vuole ricordarla nella maniera che lei stessa avrebbe apprezzato di più: attraverso i temi a lei cari, l’innovazione della ricerca e le nuove generazioni di studiosi.

L’ottava edizione, svoltasi a otto anni dalla scomparsa della studiosa l’11 Giugno 2021 in diretta streaming su Facebook e YouTube a causa della pandemia COVID-19, è stata dedicata alle “Fonti scritte e iconografiche” utili all’analisi delle ceramiche di età medievale e moderna. Sin dalle prime ricerche in collaborazione con Liana ed Ezio Tongiorgi, Graziella Berti ha affiancato l’indagine sui documenti a quella derivante dai dati materiali, grazie ad un dialogo costante tra fonti di ambito diverso unite da uno scopo comune: raccontare e descrivere le ceramiche al fine di conoscerne le datazioni, gli usi, la circolazione, le terminologie, le tecnologie, la produzione. Allo studio dei documenti di archivio si è unito anche quello iconografico, ugualmente importante per contestualizzare e datare gli oggetti ceramici, consentendo, inoltre, di inquadrarli nei costumi e nella cultura del loro tempo.
Le ricerche contenute in questo volume offrono un ampio sguardo alla realtà mediterranea di età medievale e moderna, con interventi che dalle porzioni più occidentali (Spagna e Francia) giungono, tramite l’Italia e Malta, sino alle terre greche. Gli argomenti trattati permettono, tramite l’analisi delle fonti scritte e iconografiche e l’incrocio con i dati materiali, di ricostruire le dinamiche di uso, gusto, consumo, produzione, datazione, circolazione, terminologia, moda delle ceramiche in un lungo arco temporale.

Sommario
  • Presentazioni, Fabrizio Benente, Paul Arthur
  • Introduzione, Marcella Giorgio

Ceramica e fonti scritte

  • Statuts et règlements du corps des potiers de terre à la fin du Moyen Âge dans les villes du nord de la France : l’exemple de Douai (Nord), Étienne Louis, Freddy Thuillier
  • Per un aggiornamento delle indagini di Silvio Bernicoli. Dati sulla produzione e importazione di ceramiche a Ravenna nei secoli XIV-XVI, Paola Novara
  • Ceramica in movimento: mobilità di maestranze e trasmissioni di saperi a Pisa (XIII-XVII secolo), Giuseppe Clemente
  • “belle schudelle bologniese”: ipotesi su una richiesta della Beata Chiara Gambacorti, Marcella Giorgio

Ceramica e fonti iconografiche

  • Holy pottery: depictions of pottery vessels in the iconography of Athos, Stavros Zachariadis
  • Le ceramiche della Sala Rustica nella villa borbonica di Conca di Sopra (Massarosa, Lucca). Rappresentazione di “oggetti desueti” in un dipinto della prima metà del XIX secolo, Antonio Fornaciari
  • La ceramica come fonte iconografica e di conoscenza: due piatti in maiolica in stile compendiario dal territorio nord di Roma (Malborghetto e Torre/Osteria di Prima Porta), Barbara Ciarrocchi

Fonti materiali, scritte e iconografiche

  • Fuentes Escritas e iconográficas: ¿Como benefician la interpretación de la cerámica de Época Emiral?, Silvia Berrica
  • La loza azul y dorada de Valencia en Italia entre 1425 y 1450. Un careo entre las fuentes y la evidencia material, Guillem Rosselló-Bordoy, Maria Paz Soler Ferrer, Josep A. Gisbert Santonja, Josep Vicent Lerma Alegria
  • The Social Life of High-Status Ceramics in 17th and 18th century Valletta. The case of the ‘Auberge d’Auvergne’ ceramics, Nathaniel Cutajar, Christian Mifsud
  • Valicare gli Appennini. Maestranze e manufatti fra Abruzzo e Campania: fonti d’archivio e recenti indagini archeologiche, Lester Lonardo
  • Ceramica di produzione neretina in stile compendiario attraverso le fonti scritte e iconografiche: gli esempi dei conventi di S. Antonio da Padova in Nardò e Madonna della Favana di Veglie (LE), Riccardo Viganò
  • Spazi di lavoro e manifatture. Ipotesi per la ricostruzione dell’opificio fiorentino di Tugio di Giunta, Carlo Battini, Valeria d’Aquino

Link alle presentazioni su YouTube.

Informazioni aggiuntive

Peso0,430 kg
Dimensioni21 × 29,7 × 0,6 cm
Autore

Luogo di stampa

Sesto Fiorentino (FI)

Anno di stampa

Tipologia

Libro

Pagine

100

Illustrazioni

illustrazioni in bianconero e colore

Legatura

brossura

ISBN

e-ISBN

Lingua

inglese, italiano, riassunti in inglese e italiano, spagnolo

Open Access

Licenza Creative CommonsQuest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.